SHARE
infortunio Belotti
Infortunio Belotti FOTO screenshot

Non arrivano belle notizie per Walter Mazzarri. L’infortunio di Andrea Belotti risulta più grave del previsto e l’attaccante del Torino dovrà fermarsi per la prossima partita di campionato. L’obiettivo è di rientrare per la sfida contro la Spal, in programma prima della sosta ma Belotti rischia di tornare in campo solo nel 2020. Secondo quanto riportato da Tuttosport, a pesare sulle condizioni dell’attaccante c’è stato un errore nella prima diagnosi dove non era stata ravvisata la rottura di alcune fibre muscolari.

Andrea Belotti, i tempi di recupero

Il comunicato diramato dal Torino nella sera del 3 dicembre ha chiarito la situazione. Andrea Belotti ha riportato un danno ad alcune fibre muscolari, non rinvenuto finora a causa del vasto ematoma presente. Un dolore persistente che ha obbligato l’attaccante ad ulteriori controlli. Il capitano granata proseguirà nel percorso terapeutico stabilito ma salterà sicuramente le partite contro Fiorentina e Verona. Un’assenza pesantissima per Walter Mazzarri in crisi di risultati che ha ritrovato la vittoria contro il Genoa nell’ultima giornata di campionato. Un colpo di testa di Bremer ha scacciato le ipotesi di esonero, ma il rendimento dei granata resta decisamente negativo rispetto alla rosa a disposizione. 20 gol subiti in 14 giornate pesano notevolmente in questa prima parte di stagione e i tre punti conquistati a Genova hanno dato un po’ di ossigeno.

Belotti Torino

Torino-Fiorentina: chi gioca in attacco?

L’infortunio di Andrea Belotti però complica i piani di Walter Mazzarri che punta a dare continuità nelle prossime giornate per chiudere al meglio l’anno. Contro la Fiorentina si tratta di uno scontro diretto con i viola reduci da tre sconfitte consecutive e orfani di Franck Ribery. In vista della sfida in programma allo stadio Olimpico di Torino, Mazzarri potrebbe riproporre l’attacco formato da Berenguer e Verdi nel classico 3-5-2. Una scelta che aveva sorpreso tutti con l’esclusione di Zaza, in rotta con l’allenatore. L’alternativa potrebbe essere il debutto dal primo minuto di Vincenzo Millico, attaccante cresciuto nel Torino. Un’ipotesi però remota.

INFORTUNIO RIBERY, CONDIZIONI E TEMPI DI RECUPERO

SHARE