SHARE
ancelotti de laurentiis napoli

Il ciclo del Napoli sembra ormai al capolinea, con De Laurentiis pronto a rinnovare il progetto. Ancelotti e alcuni big verso l’addio a fine stagione

Sarebbe dovuto essere l’anno della consacrazione, dell’avvicinamento alle grandi d’Italia e d’Europa e della possibile lotta per lo Scudetto. In questi primi mesi, invece, il Napoli ha quasi completamente disatteso tutti i buoni propositi del precampionato. Con Carlo Ancelotti in panchina per il secondo anno consecutivo, i partenopei si aspettavano di avere, almeno in partenza, un vantaggio rispetto alle rivali, alle prese con cambi importanti di allenatori e rivoluzioni tattiche. Inoltre, gli acquisti sul calciomercato di Lozano, Manolas e Llorente oltre alle giovani promesse Elmas e Di Lorenzo, avevano innalzato il livello qualitativo della rosa azzurra.

Crisi Napoli, tensioni in campo e fuori: Ancelotti e alcuni big verso l’addio

Dopo una vittoria soffertissima a Firenze, a Torino contro la Juventus arriva una sconfitta che fa male. Sia perché per un’ora il Napoli è assente dal campo, ma soprattutto perché l’autogol di Koulibaly vanifica la clamorosa rimonta da 0-3. L’intesa tra il centrale senegalese e Manolas non funziona come dovrebbe, la squadra subisce troppi gol, mentre davanti gli attaccanti si inceppano troppo spesso. La vetta della classifica comincia ad allontanarsi e le tensioni interne aumentano.

Il punto di rottura arriva alla fine del match pareggiato in Champions League contro il Salisburgo, quando la società ordina il ritiro, ma i giocatori, con il benestare di Ancelotti, si rifiutano. De Laurentiis commina multe salate ai giocatori, che alla fine, dopo un lungo tira e molla, accettano la decisione del presidente.

napoli ancelotti
Contratto Ancelotti dettagli controversi da Il Fatto Quotidiano FOTO Twitter

Mertens, Callejon, Insigne e Allan: chi se ne va?

I rapporti tra la società e l’allenatore sono davvero ai minimi storici e le strade molto probabilmente si separeranno a fine stagione. L’ex tecnico del Milan, Real Madrid, Chelsea e PSG non è stato capace, in questo anno e mezzo, di far fare al Napoli il salto di qualità e di completare il lavoro cominciato da Maurizio Sarri. Solo un lungo cammino in Champions potrebbe salvare una stagione che, ad oggi, sarebbe fallimentare. Le partite contro Udinese e Genk diranno molto sul futuro del Napoli e in caso di risultati negativi potrebbe addirittura portare all’esonero di Ancelotti.

Potrebbe essere l’ultimo anno all’ombra del Vesuvio anche per molti calciatori rappresentativi come Dries Mertens e Josè Callejon (in scadenza di contratto nel 2020), Lorenzo Insigne (messo spesso in discussione) e Allan, il quale ha moltissimi estimatori a livello europeo e non è escluso che parta anche a gennaio.

SHARE