SHARE
Malaga allenatore
Caos Malaga allenatore FOTO twitter

L’allenatore del Malaga, Victor Sanchez del Amo, temporaneamente messo da parte dal suo club. Motivo la diffusione di un filmino a luci rosse sul web.

La situazione precipita in seno al Malaga, con l’allenatore Victor Sanchez del Amo sospeso per diretta decisione della proprietà. Il motivo è da ricercarsi in questioni assolutamente estranee al calcio. Infatti da alcuni giorni circola sul web un video che ritrae il tecnico della compagine spagnola in atteggiamenti decisamente spinti e ben oltre il limite della decenza. La dirigenza biancoazzurra ha preso questa scelta con effetto immediato, comunicando sui propri canali web ufficiali che tale provvedimento sarà effettivo fino al compimento di una esaustiva indagine completa.

Malaga allenatore, Victor Sanchez del Amo denuncia un complotto

D’altro canto l’allenatore del Malaga aveva denunciato di essere vittima di un complotto. “Vogliono rovinarmi. Sono vittima di un reato contro la mia intimità con molestie ed estorsione. La polizia è già al lavoro per individuare i colpevoli ed io resto a disposizione delle autorità. Ci tengo anche ad informare che la condivisione o la diffusione di contenuti intimi che riguardano qualsiasi persona senza avere il suo consenso rappresenta un reato. A prescindere dal canale utilizzato, l’articolo 97 del Codice Penale parla chiaro. C’è il carcere per i responsabili. Grazie per la vostra comprensione e il vostro sostegno”.

Ma il club lo sospende

Un messaggio che Victor Sanchez del Amo aveva lanciato sul suo profilo personale Twitter. Del caso si è interessata anche la polizia della città andalusa, che sta esaminando tutti gli indizi a disposizione. Il Malaga però ha scelto di mettere da parte per il momento il proprio allenatore. In una nota ufficiale il club fa sapere quanto segue. “Sulla base degli eventi recentemente scoperti che non sono stati ancora verificati, il Malaga sospende dalle sue funzioni con effetto immediato l’allenatore Victor Sanchez del Amo fino a quando non verrà svolta un’indagine completa. Amplieremo le informazioni appena si chiariranno i fatti”.

SHARE