SHARE
eriksen inter
Fonte: Twitter

L’Inter è scatenata sul mercato. Ashley Young è ufficiale, Olivier Giroud potrebbe esserlo a breve. E si avvicina il super colpo: Christian Eriksen. Nerazzurri in formato Premier League, un campionato alla Antonio Conte; intenso, forte, fisico. Tre acquisti fondamentali per la rosa del tecnico di Lecce, che adesso fa davvero sul serio.

LEGGI ANCHE: INTER PERCHE’ SI CHIAMA COSI’

Il messaggio è chiaro: lo scudetto è un obiettivo, Juventus avvisata. Se fino ad ora è riuscita a tenere testa ai rivali nonostante qualche buco, adesso ci sono poche scuse. Young rinforza le fasce, ma forse ne serve un altro: Victor Moses obiettivo (ancora Premier). Giroud è l’alternativa ai titolari Lautaro e Lukaku che mancava, e con il rientro di Alexis Sanchez il pacchetto è completo. Eriksen è la ciliegina sulla torta, è quell’elemento che fa sempre e comunque la differenza.

DANI OLMO PRIMO OBIETTIVO DEL MILAN

Young e Giroud riserve di lusso

young inter
Fonte: FC Inter

Come cambia l’Inter come Young e Giroud? In realtà non cambia perché entrambi arrivano come riserve. L’inglese ha buone possibilità di prendersi un posto da titolare col tempo, mentre per il francese è durissima: ad oggi, e probabilmente fino a fine anno, sarà dura fare a meno di Lukaku e Lautaro. Per Conte, però, avere un giocatore come Giroud in panchina è un bel lusso. Un attaccante di stazza ma che è bravo a fare gioco con la squadra. Un Lukaku meno esplosivo ma con un gran bel sinistro. Con Arsenal e Chelsea ha segnato davvero tanti gol.

INTER, SCAMBIO VECINO-KESSIE: LE ULTIME

Eriksen deve adattarsi

Eriksen invece cambia eccome l’Inter. Senza dubbio nella top10 dei migliori centrocampisti al mondo, avrà bisogno di tempo per adattarsi al calcio italiano e soprattutto al calcio di Conte. Perché in realtà il danese, giocatore di qualità e classe, non è il prototipo del centrocampista migliore per il tecnico. Che, invece, preferisce profili alla Arturo Vidal, che sanno abbina quantità a qualità, oltre che ai gol.

Ma un’occasione come Eriksen non puoi lasciartela sfuggire. Probabilmente Conte lo schiererà da mezzala con compiti da trequartista. Si alzerà dalla linea del centrocampo per giocare dietro le due punte e fare da rifinitore. Che è il suo compito da sempre. Chiaramente l’obiettivo è quello di migliorarlo in difesa, fase cruciale per il gioco di Conte. Gli servirà del tempo ma campioni del genere, con un’intelligenza calcistica superiore alla media, non fanno troppa fatica ad adattarsi.

SHARE