SHARE
Gonzalo Villar Roma
Gonzalo Villar Roma FOTO instagram

È fatta per il trasferimento di Gonzalo Villar alla Roma. Scopriamo i suoi numeri in carriera e le sue caratteristiche tecniche.

Con Gonzalo Villar è una Roma sempre più spagnola. Il mercato dei giallorossi fino ad oggi ha visto ingaggiare due calciatori nati in Spagna. Il primo con cui è stato raggiunto un accordo è Carles Pérez dal Barcellona, manca solo l’ufficialità. E ora nel mirino del direttore sportivo Gianluca Petrachi ecco proprio Gonzalo Villar, che nei prossimi giorni si unirà nello scacchiere di mister Paulo Fonseca. Entrambi classe 1998 ed in nazionale under 21 darebbero un aiuto importante ad una rosa piena di infortunati. Il giocatore di proprietà dell’Elche è presente in tribuna nel derby tra Lazio e Roma per sostenere la sua futura squadra. La trattativa si è sbloccata grazie al Valencia che ha deciso di non esercitare il diritto di prelazione che possedeva sul giocatore. Intanto a Fiumicino sbarca anche Ibanez, un altro classe 1998 acquistato dall’Atalanta.

LEGGI ANCHE –> Calciomercato Roma | chi è Carles Perez in arrivo dal Barcellona

LEGGI ANCHE: Florenzi Roma | i motivi di un addio che non conviene a nessuno

Gonzalo Villar Roma, i dettagli dell’operazione

La dirigenza giallorossa aveva già un accordo con il centrocampista: un contratto di 4 anni e mezzo e 600mila euro a stagione per il ragazzo. Va trovata ancora l’intesa sulla tipologia di trasferimento, il DS Gianluca Petrachi sembra aver offerto 5 milioni per il 21 enne. Un tesoretto niente male per l’Elche che porterebbe a casa una cifra importante. La società capitolina ha le idee ben chiare, oltre a pensare al presente riflette soprattutto sul futuro.

LEGGI ANCHE –> Borini Verona | voglia e passione, Fabio rivuole un posto ai piani alti

Chi è il neoromanista, numeri e caratteristiche tecniche

Villar cresce nelle giovanili dell’Elche e all’età di soli 16 anni esordisce con le riserve. Nel 2015 passa al Valencia che crede molto nel giovane centrocampista e spende la modica cifra di 175.000€ per ingaggiarlo. Nelle giovanili dei “Blanquinegres” si mette in mostra, e viene promosso nel Valencia B, con cui milita dal 2016 al 2018  raccogliendo 39 presenze e 2 reti. Sotto la guida di Lubo Penev, ex allenatore del Valencia B, il ragazzo diventa un titolare fisso. Nel 2018 la dirigenza dell’Elche decide di lanciarsi nuovamente sul suo gioiellino. Il 21 enne ritorna ad indossare la maglia biancoverde, ma questa volta con la prima squadra in seconda divisione spagnola. Il Valencia lo cede tenendo un diritto di prelazione a suo favore. Con la sua ancora attuale squadra colleziona 39 apparizioni totali di cui 20 in questa stagione. Insieme a La Roja in under 21, 3 presenze e 0 gol al momento. Gonzalo Villar è il classico mediano dotato di un’ottima tecnica e di una grande visione di gioco.

Difetto: si fa ammonire troppo spesso

Il ragazzo sa utilizzare entrambi i piedi anche se il suo piede preferito è il destro. Ama muoversi nella zona mediana del campo. La sua dote migliore è la capacità di semplificare il gioco di squadra, facendo muovere il pallone da destra a sinistra grazie alla sua visione di gioco. Un giovane di grandi prospettive che potrebbe sostituire lo sfortunato Diawara fermo ai box per 2-3 mesi. Tatticamente si esprime al meglio in una mediana a 2 e sa portare palla con eleganza e tecnica. Buoni anche il dribbling ed il tiro da fuori. Come difetti, lo spagnolo mostra una fin troppo facile propensione al cartellino giallo. Nella scorsa stagione sono state 15 le ammonizioni in 35 partite di campionato.

È molto attivo sui social

Il ragazzo è molto attivo in particolare su Instagram dove la maggior parte dei propri post ritraggono momenti di campo. Detiene 10,4mila follower e 926 account seguiti dove risalta uno dei calciatori più forti al mondo, Cristiano Ronaldo. Da due giorni a questa parte il giovane centrocampista mette “like” ai commenti di apprezzamento dei tifosi romanisti nei suoi confronti. Un ulteriore indizio che sembra avvicinare sempre di più il calciatore alla Roma.

di Fabio Chiappini

SHARE