SHARE
buendia

Sono giocatori interessanti, finiti più volte su YouTube, ma che fino ad ora rimanevano nell’anonimato rispetto al mainstream. Questi tre giocatori, Buendia, Angel e Quaison, sono diventati noti ai più grazie a prestazioni esaltanti o a numeri inattesi. Sono tutti e tre diversi e appartengono a generazioni differenti, eppure si stanno distinguendo con incredibili prestazioni in Inghilterra, Spagna e Germania.

Quaison è passato dal campionato italiano, Buendia e Angel hanno condiviso addirittura uno spogliatoio. Ognuno con il suo percorso, ognuno con un futuro che potrebbe vederli in un contesto più blasonato di adesso.

Emiliano Buendia

Ex compagno di Angel Rodrgìguez due anni fa al Getafe, in questa stagione Buendìa sta facendo applaudire tutti gli stadi della Premier. Argentino di Mar de la Plata, è partito giovanissimo per l’Europa in direzione Spagna, Getafe nella fattispecie, dove ha seguito tutta la trafila delle giovanili. Da lì il salto in prima squadra dove si è evoluto in un giocatore più europeo e meno latino, quindi più discreto nel concludere l’azione e meno pletorico nelle giocate.

Dal 2018 è in Inghilterra al Norwich, con cui ha vinto il campionato dell’ultima Championship e adesso è ancora un titolare fisso in Premier League. Finora ha giocato 24 gare (più una in Coppa di Lega) senza però segnare. Le sue grandi doti sono sicuramente il dribbling e l’abilità nel muoversi nello stretto. In Premier ha già completato sette assist e si dice che su di lui sia pronta un’offerta addirittura del Liverpool di Klopp.

Angel Rodrìguez

Attaccante spagnolo classe 1987, Angel fino al 2017 aveva caracollato fra Liga2 e Liga, giocando molto in provincia con squadre come l’Elche, il Levante – dove giocò anche l’Europa League – e poi nel 2015 l’Eibar. Dal 2017 è al Getafe, città alle porte di Madrid, dove in questa stagione è uno dei leader della squadra e ha fatto venire l’acquolina anche al Barcellona. A cui ieri, al Camp Nou, ha pure segnato. Attualmente, a 32 anni, conta 149 apparizioni nel massimo campionato spagnolo.

I blaugrana infatti si erano fatti ingolosire dai 13 gol stagionali dell’attaccante spagnolo, ipotetico sostituto fino al termine del campionato di Suarez. Angel ha segnato anche tre reti in Europa League, dove ha trascinato il Getafe ai Sedicesimi contro l’Ajax in una sfida storica per il club castigliano. L’attaccante è fondamentalmente una punta rapida e associativa, che lavora in coppia con l’altro centravanti Jaime Mata. I due costituiscono una coppia integrata e affiatata, con movimenti sincronizzati. E fra i due, Angel ne sta uscendo con una grande stagione. A 32 anni, a un attaccante che aveva sempre vissuto nelle parti basse della classifica e che ha già superato il numero di gol dello scorso campionato, non si può chiedere di più.

Robin Quaison

Era passato anche in Italia al Palermo, Quaison, nel 2014, quando i rosanero si infittirono di diversi giocatori svedesi. Quaison si era fatto notare all’Europeo under 21 del 2014, vinto proprio dalla selezione svedese guidata in attacco dal giocatore del Mainz.

Attualmente Quaison è tornato anche nel giro della Nazionale, non convocato nelle ultime due uscite ma con un buon minutaggio generale nell’ultimo anno. Quello che colpisce del suo presente è la forma fisica del giocatore, primo rappresentante di un club non in zona europea nella classifica marcatori – quarto con undici reti dietro a Lewandovski, Werner, Sancho. Anzi, il Mainz lotta per non retrocedere e in un contesto qualitativamente limitato Quaison sta facendo una stagione impressionante. Probabile che il suo futuro, dopo un’annata del genere, sia da altri parti.

Fonte immagine: profilo Instagram Robin Quaison
SHARE