SHARE

Nonostante il periodo non sia dei più consoni per parlare di calcio giocato, il Napoli cerca di guardare avanti. Se il pallone sui campi di è fermato, la macchina del calciomercato è forse uno dei pochi sistemi che ancora può progredire. E in questi giorni, Giuntoli si è mosso per cercare nuovi giocatori per la prossima stagione sportiva, quandunque essa si volgerà.

Nelle ultime settimane sono due i nomi spuntati tra le voci di mercato sul Napoli: Loren Moron del Betis Siviglia e Robin Koch del Friburgo. Il primo è una punta di 26 anni con un curriculum fornito di gol e discreta esperienza. L’altro, invece, è un difensore più giovane – 23 anni – e quindi più di prospettiva.

Loren, un sostituto o alternativa di Mertens?

Il contratto di Dries Mertens è uno di quelli in scadenza per la prossima stagione, e a quanto pare, non ci sono novità sul suo rinnovo (anche se prima dello stop un incontro con De Laurentiis sembra aver aperto all’ipotesi di permanenza). Gattuso – momentaneamente allenatore – potrà contare al momento su Llorente e Milik come prime punte, ma un innesto di qualità serve. Non è solo una questione di numero ma anche di implemento tecnico del potenziale della squadra.

loren moron

Moron è cresciuto calcisticamente nel Betis Siviglia, un autentico Bético visto che ha svolto le giovanili con il club andaluso. Classe 1993 – come una fortunata generazione di attaccanti, da Icardi a Kane – Loren è un centravanti puro. Fisicamente di presenza (alto 185 centimetri), l’attaccante è un giocatore particolarmente di sostanza, forte di testa e abile nei contrasti. Un giocatore non troppo fine, anzi, sembra piuttosto meccanico nei movimenti ma sotto porta ha un istinto essenziale. O almeno così ha dimostrato quest’anno.

In questa stagione, finora, ha giocato un gran campionato con nove gol in ventisei partite. Anno scorso, ha pure esordito in Europa League, dove in sei presenze però non ha mai esultato per una rete. In totale, sono 26 le apparizioni con il club andaluso, anche se a parte i nove timbri di quest’anno, il rendimento del giocatore è stato piuttosto scostante.

Eppure è un ragazzo di grande talento, cresciuto con il sogno di fare il torero prima e il bomber del Betis poi. E in area, effettivamente, la sua presenza è quella un po’ del grande animale indomito, che si fa vedere, ingaggia duelli, e fa salire la squadra. Ma ha anche un buon bagaglio tecnico. Dunque, dopo periodi alternati fra grandi risultati (un gran gol al Villarreal) e situazioni deludenti, Loren adesso è diventato un calciatore affermato e con un crescente killer istinct sotto porta.

Koch, un difensore dal piede d’oro

Meno noto e anche più acerbo è Robin Koch, difensore centrale tedesco destro del Friburgo. Per il classe 1996 questa è la terza stagione in Bundesliga e a quanto pare, anche quella della sua consacrazione. Prima di giocare con i rossoneri (di Germania), Koch ha calcato i campi di provincia con il Kaiserslautern in seconda divisione – Bundesliga 2. Il Friburgo è una delle squadre rivelazione della Bundesliga, attualmente in ottava posizione. Ha messo in difficoltà molte grandi squadre e adesso lotta per una posizione europea.

Koch è il miglior giocatore della squadra, e il prezzo del cartellino, secondo Transfermarkt, è di circa 18 milioni. Il difensore è molto bravo nell’impostazione: lavora praticamente come primo regista dei rossoneri. Non è certo un marcatore e fisicamente è meno roccioso di altri colleghi, ma rimane un profilo rapido e agile, comunque migliore nell’impostazione. Anche per questo, in alcune situazioni ha giocato perfino come mediano a centrocampo. Koch non ha esperienze in competizioni europee ma ha avuto modo di mettersi in risalto con questa stagione molto promettente.

Sul giocatore infatti sono spuntate molte squadre, dal Benfica al Napoli fino anche al Milan. Tutti club che cercano un profilo di prospettiva da inserire nel proprio pacchetto di difensori. Dopotutto, Koch è un giocatore prediletto per il nuovo modo di giocare a calcio. Tecnico, veloce e con visione di gioco, il tedesco sarà sicuramente una pietra pregiata nel prossimo calciomercato.

SHARE