SHARE
Kroos
Foto - Twitter ufficiale Toni Kroos

In una lunga intervista rilasciata a Marca, il centrocampista del Real Madrid Toni Kroos ha trattato diversi argomenti. Da calciatore ormai navigato, Kroos ha detto la sua su svariati temi, che non trovano sfogo soltanto nell’attività calcistica pure ma anche concettuale. L’ex Bayern Monaco infatti si è soffermato anche su aspetti che non riguardassero prevalentemente la tecnica e la tattica.

Kroos contro FIFA e UEFA: “Tante partite non sono necessarie”

In primis, l’investitura sulla sua ex squadra. Secondo Kroos, infatti, attualmente “Il Bayern Monaco è la squadra più forte al mondo. Non ho dubbi, lo so perché per anni lo è stato il Real Madrid“, sottolinea il ragazzo con una punta di orgoglio. Ma al momento “dobbiamo accettare che ci siano squadre migliori di noi”, ha affermato.

Nonostante questo, però, proprio il Real Madrid viene lodato sotto altri punti di vista: “Inizialmente volevo restare al Bayern, poi però emerse qualche contrasto con il club”, rivela. “Ancelotti mi chiamò, mi disse che mi voleva in squadra e la decisione non è stata di certo difficile a quel punto”.

Kroos e le critiche per le troppe gare

Kroos ha voluto anche parlare delle tante partite che attualmente si giocano in maniera ufficiale. Un tema già trattato in precedenza e che riguarda evidentemente la salute dei giocatori. “La mia paura è che vengano create nuove competizioni“, spiega. “Ci sono 2-3 settimane in cui non ci sono partite ma FIFA e UEFA potrebbero anche trovare un nuovo torneo. Scendere in campo così di frequente ci fa essere sempre stanchi, senza mai raggiungere il livello che vogliamo”. Poi, la conclusione più esplicita: “Non vedo necessaria questa cosa, non possono strizzarci ancora di più”.

Kross è parso dunque molto critico con l’attuale organizzazione del calcio, in particolare per quanto riguarda le tantissime partite da giocare nel corso di una stagione. Uno sforzo inevitabilmente pesante per un giocatore. E il centrocampista tedesco non è stato certo il primo a lamentarsene.

SHARE