SHARE
Alexander-Arnold
FOTO - Twitter ufficiale Alexander-Arnold

Bruttissima notizia per i tifosi del Liverpool, che in queste settimane stanno vedendo venire meno i calciatori più forti per via di vari problemi fisici, specialmente per quanto riguarda il compartimento della zona difensiva. Una grande perdita sarà rappresentata sicuramente dall’assenza di Trent Alexander-Arnold, terzino dei Reds e della Nazionale inglese.

Infortunio Alexander-Arnold | quando rientra | tempi di recupero

Il ragazzo, infatti, si è procurato un problema durante il big match di Premier League contro il Manchester City (gara terminata con il pareggio per 1-1 e dunque con un punto a testa per le due compagini). Il ragazzo, ormai da anni assoluto protagonista per quanto concerne il Liverpool, si è procurato infatti una lesione muscolare alla coscia e resterà fuori almeno per un mese. O meglio, questa è la speranza dello staff medico del Liverpool.

PREMIER LEAGUE, LA TOP 5 DEGLI ASSISTMEN DOPO 8 GIORNATE

Alexander-Arnold, infatti, secondo le ultime indiscrezioni potrebbe anche stare fermo più di una trentina di giorni. Una cosa peraltro appare quasi certa. Il giovane esterno basso non potrà giocare la prossima gara di Champions League contro l’Atalanta, ad Anfield, in programma il 25 novembre, dunque a fine mese. Sicuramente una buona notizia per gli orobici ma, in generale, una cattiva news per gli appassionati di calcio.

Così come nelle scorse stagioni, anche in questa Alexander-Arnold stava dando un apporto molto valido alla squadra allenata da Klopp. Dominante a tratti negli anni scorsi, il calciatore di 22 anni è ormai sbocciato in tutto il suo splendore. Lo stop forzato però gli farà perdere minuti nelle gambe e rappresenterà un problema anche per chi lo ha scelto in chiave fantacalcio estero o euroleghe varie. Al di là del problema muscolare, comunque, un giocatore del genere è sinonimo sempre di garanzia e pure di bonus. Inevitabile, dunque, che al suo ritorno le prestazioni resteranno decisamente positive.

KROOS CONTRO FIFA E UEFA: “TROPPE PARTITE NON NECESSARIE”

SHARE