SHARE
Paqueta

Ancora non è arrivato il primo gol con la nuova maglia, ma i tifosi del Lione se ne sono già innamorati: a nemmeno due mesi dal suo arrivo, infatti, Lucas Paqueta è diventato un idolo, apprezzato soprattutto da Rudi Garcia, che dal suo esordio non è ha più potuto fare a meno.

L’importanza di Paqueta

Con lui in campo, dopotutto, il Lione ha centrato tre vittorie, ottenute contro Strasburgo, Monaco e St-Etienne, e strappato un pareggio nella difficile sfida contro il Lilla, che Les Gones hanno concluso in 10. Una media di 2.5 punti a partita, che certificano l’importanza del brasiliano ex Milan negli schemi di Garcia, che, però, paradossalmente non l’ha mai utilizzato nel suo ruolo naturale.

PREMIER LEAGUE, LA TOP 5 DEGLI ASSISTMEN DOPO 8 GIORNATE

L’errore di Gattuso e la rinascita con Garcia

Fino ad ora infatti Paqueta è stato unicamente utilizzato da mezzala d’inserimento, un ruolo che aveva già provato a cucirgli addosso, senza troppo successo, Gennaro Gattuso. L’allenatore del Napoli, però, aveva cercato di limitare la tendenza dell’ex Flamengo ad occupare l’area di rigore avversaria, affidandogli compiti di impostazione e rendendolo più attendista e meno propenso a spingere.

Rudi Garcia al contrario ha deciso di renderlo una mezzala prettamente offensiva, liberandolo da quei limiti tattici che l’avevano letteralmente ingabbiato in Serie A. Il risultato di questa mossa è stata la rinascita di uno dei talenti più cristallini del calcio brasiliano, che, allo stesso tempo, ha anche mostrato in queste prime partite giocate con la maglia del Lione importantissime doti in fase di non possesso.

Non a caso l’Équipe, famoso quotidiano francese, lo ha definito “un guerriero” che “ha messo tutti d’accordo prima con la grinta, e solamente dopo con la tecnica“. Merito probabilmente di un calcio italiano che ne ha modificato l’attitudine, rendendolo inconsciamente un giocatore meno “bello” da vedere ma sicuramente più efficace in fase difensiva.

LUCAS ALARIO, IL VICE LEWANDOWSKI DELLA BUNDESLIGA

Paqueta, centrocampista low cost con tanto potenziale

Parlando di Euroleghe e fantacalcio, infatti, Paqueta potrebbe rivelarsi un potenziale colpaccio per il vostro centrocampo. Il prezzo basso, unito ad una titolarità praticamente sicura e ad una resa offensiva che sicuramente migliorerà con il tempo (al momento siamo fermi a 1.31 tiri ogni 90 minuti, 0.23 Expected Goals e 0.60 Expected Assist), lo rendono un centrocampista decisamente interessante, come Soucek.

SAN MARINO, RECORD STORICO: PAREGGIATE DUE GARE DI FILA