SHARE
Croazia
FOTO - Twitter ufficiale Croazia

Croazia Portogallo è un match apparentemente senza alcun senso, almeno per i ragazzi di Santos, che sono già sicuri del secondo posto nel Gruppo 3 della League A. Per la Croazia, invece, è fondamentale vincere questa partita, che permetterebbe a Dalić di rimanere in League A. In caso contrario, tutto dipenderebbe dal risultato che la Svezia strapperà con la Francia di Pogba. E vicecampioni del mondo non possono permettersi di sprofondare in League B.

Quando si gioca Croazia Portogallo

La gara fra Croazia e Portogallo si giocherà questa sera, martedì 17 novembre 2020, alle ore 20:45, dallo Stadion Poljud di Spalato. La gara sarà diretta dall’arbitro inglese Oliver.

INFORTUNIO KIMMICH | QUANDO RIENTRA | TEMPI DI RECUPERO

Dove vedere Croazia Portogallo in tv e in streaming

La super sfida fra Croazia e Portogallo non verrà trasmessa da nessuna emittente italiana, né in diretta tv né in streaming. Ovviamente sarà possibile seguire il risultato della partita sulle app o suoi siti di live scoring, o, in alternativa, sulle reti nazionali croate e portoghesi.

Le probabili formazioni

La Croazia si trova priva di del suo top player offensivo, Andrej Kramaric, che a causa del coronavirus non è stato convocato da Zlatko Dalic. L’atalantino Pasalic, inoltre, molto probabilmente partirà dalla panchina, per subentrare, come contro la Svezia, a partita in corso.

Per quando riguarda i lusitani, invece, è molto probabile che Santos faccia rifiatare Joao Felix e Bernardo Silva, schierando al loro posto Trincao e Jota, che sta vivendo un periodo di forma straordinario con il Liverpool. A centrocampo si segnala la presenza di Neves al posto di Carvalho, mentre al centro della difesa Duarte sostituirà Fonte.

CROAZIA (4-2-3-1): Livakovic; Juranovic, Pongracic, Lovren, Barisic; Modric, Kovacic; Brekalo, Vlasic, Perisic; Budimir. C.T.: Dalić

PORTOGALLO (4-3-3): Lopes; N. Semedo, Dias, Duarte, Guerreiro; Pereira, Neves, Fernandes; Trincao, Ronaldo, Jota. C.T.: Santos

KROOS CONTRO FIFA E UEFA: “TROPPE PARTITE NON NECESSARIE”