SHARE
Neymar
FOTO - Twitter B/R Football

Piove sul bagnato in casa di un PSG in piena crisi di risultati: nella partita contro il Lione, infatti, Neymar è stato portato fuori dal campo in barella, a seguito di un durissimo contrasto di gioco con Thiago Mendes, che poi è stato espulso per essere entrato con le gambe “a tenaglia” sulla caviglia sinistra del campione brasiliano.

EUROLEGHE: LE 5 SCOMMESSE DI PREMIER LEAGUE

Un infortunio terribile, come hanno fatto chiaramente trasparire le urla di dolore lanciate dall’ex Barcellona, scoppiato in lacrime dopo essersi accasciato a terra. Da valutare ancora la vera entità dell’infortunio, anche se dovrebbe trattarsi di una frattura della caviglia destra di Neymar, che in passato avevo avuto problemi con l’altra caviglia, quella destra. Una perdita gravissima per Tuchel e per il suo PSG, che a seguito della sconfitta subita con il Lione è scivolato in terza posizione.

Infortunio Neymar | quando rientra | tempi di recupero

Ancora ignoti i tempi di recupero, anche se è molto probabile che il campione brasiliano stia a fuori a lungo: per infortuni di simile entità, infatti, i tempi di recupero variano da 3 ai 5 mesi. In caso di ricadute, inoltre, i tempi si allungherebbero ulteriormente. Neymar dovrebbe quindi rientrare intorno a fine aprile, ovvero quando la stagione sportiva sarà quasi giunta alla sua fine.

CELTA VIGO CADICE, DOVE VEDERE IN TV E IN STREAMING

Una bruttissima perdita di Tuchel, che dovrà trovare il modo migliore per sostituirlo: per un qualsiasi altro club, questo compito sarebbe difficilissimo trovare un giocatore con la sua continuità, con il suo talento e soprattutto con la sua personalità. Così, però, non è per il PSG, che può contare in attacco su talenti del calibro di Mbappé, Sarabia, Di Maria, Icardi e Kean. A sostituirlo, quindi, potrebbero essere l’ex Monaco, che verrebbe riportato nel suo ruolo naturale, o Kean, che spostandosi sulla fascia sinistra permetterebbe a Mbappé di rimanere al centro dell’attacco dei Parisiens.

BENTALEB, RESCISSIONE IN VISTA: LO SCHALKE LO HA SCARICATO