SHARE
Sharapova
FOTO - Twitter Sharapova

Maria Sharapova è stata probabilmente una delle tenniste del circuito WTA più apprezzate, sia per la sua enorme e innegabile bellezza che per le sue qualità sul campo. La Sharapova ha infatti vinto numerosi tornei e Slam, garantendo spesso spettacolo ma anche polemiche. Non sempre infatti la russa è andata d’accordo con le avversarie. Inoltre, dopo la squalifica per doping patita anni fa, non è mai riuscita a recuperare la forma migliore e tornare su altissimi livelli.

Oggi Sharapova è un’imprenditrice e ha detto basta con il mondo del tennis, uscendo dal circuito WTA e non mostrandosi interessata a proseguire la carriera come allenatrice o dirigente. Intervistata recentemente da INC, l’ex tennista ha provato a spiegare il motivo per cui, a un certo punto, ha deciso di dire basta.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI ENTELLA PORDENONE

Sharapova: “Per anni ho dato tutto, poi ho perso lo spirito di competizione”

“Ho capito che continuavo a mostrarmi, certo. Però non lo stavo facendo come tennista. Avevo perso di vista la competizione”, spiega candidamente la Sharapova durante l’intervista. Una convinzione evidentemente molto importante ma, come spiega lei stessa, non arrivata subito a maturazione. “Il processo è stato difficile da gestire però, insieme alla mia squadra, ho capito che era necessario portarlo avanti”.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI FROSINONE SALERNITANA

L’ex tennista ha poi concluso con una frase che denota la sua anima battagliera da professionista: “Per anni mi sono concentrata solo sullo sport e ho dato qualsiasi cosa per ottenere i risultati che volevo”.

Oggi, come si sa, Maria Sharapova è diventata un’imprenditrice interessata al mondo delle Start-up. Recentemente peraltro era tornata agli onori della cronaca per un toccante messaggio a favore dell’Italia durante la lotta alla pandemia di coronavirus. In molti avranno certamente apprezzato, ricordando anche quanto fosse brava e vincente la ragazza russa nel bel mondo del tennis professionistico.

BORUSSIA DORTMUND, ARRIVA L’ESONERO DI FAVRE

SHARE