SHARE
Mandzukic
FOTO - Twitter Mario Mandzukic

Pur avendo compiuto 34 anni il 21 maggio scorso, Mario Mandzukic rimane un attaccante che qualunque allenatore vorrebbe nella sua squadra: le sue qualità, dopotutto, sono più uniche che rare e la sua grinta avrebbe fatto comodo tanto alla Fiorentina quanto alla Juventus, ovvero le due squadre che più di tutte hanno cercato di riportarlo in Italia dopo la sua rescissione con l’Al Duhail.

Niente Italia per Mario Mandzukic

In questi ultimi giorni, tuttavia, hanno cominciato ad emergere delle clamorose indiscrezioni dalla Croazia, che vedevano l’ex attaccante della Juventus vicino ad una non meglio specificata squadra croata. Si era parlato della Dinamo Zagabria, dove Mandzukic ha giocato all’inizio della sua carriera, ma nelle ultime ore ha trovato riscontri l’ipotesi Osijek, che sarebbe riuscito a convincerlo con un contratto da due anni e mezzo e un ruolo da leader assoluto dello spogliatoio e della squadra.

Osijek, una realtà ambiziosa

Un acquisto incredibile per una delle squadre croate più ambiziose degli ultimi tempi: proprio l’Osijek, infatti, vuole interrompere l’egemonia calcistica della Dinamo Zagabria, che negli ultimi anni ha dominato in lungo e in largo il calcio croato. Al momento, la squadra allenata da Bjelica occupa infatti il secondo posto, a pari punti con la Dinamo (che però ha 2 partite in meno): l’arrivo di Mandzukic, quindi, potrebbe dare al tecnico quell’elemento di qualità ed esperienza capace di fare la differenza anche solo con la sua presenza in campo.

Juventus e Fiorentina, invece, rimarranno sicuramente deluse, anche perché l’ex attaccante di Bayern Monaco e Wolfsburg avrebbe potuto dare una grande mano alla fase offensiva di entrambe le squadre. Mario Mandzukic, tuttavia, non è ancora alla ricerca di un ruolo da comprimario e vuole essere l’assoluto protagonista della cavalcata dell’Osijek.

Leggi anche:  Commisso sogna in grande: in arrivo il centravanti del Real Madrid!

I BOOKMAKERS SI SBILANCIANO: EL SHAARAWY E NAINGGOLAN ALLA ROMA

NADAL E SINNER SI ALLENERANNO INSIEME PER GLI AUSTRALIAN OPEN

RUBLEV: “FEDERER? NESSUNO COME LUI, NON VEDO L’ORA CHE TORNI”