Home Altri Sport Conor McGregor dice la sua sull’hating presente sul web

Conor McGregor dice la sua sull’hating presente sul web

Conor McGregor
FOTO - Twitter ufficiale Conor McGregor

Conor McGregor è uno dei fighter più ricchi e famosi di tutto il mondo e ha fatto la fortuna recente di sé stesso e della UFC, la promotion per cui lotta. Sfortunatamente, come spesso capita, non sempre è riuscito a canalizzare su di sé attenzioni unicamente positive. Alcuni comportamenti e pareri però sono sfociati nel fenomeno dell’hating, ormai sempre più presente soprattutto sui social. Intervistato di recente, McGregor ha toccato proprio questo argomento, andando giù duro sul tema.

Conor McGregor dice la sua sull’hating presente sul web

“A volte ti ritrovi sul web e guardi qualcuno che scrive ‘Hey…hai solo lottato contro Cerrone’. E immagina sentirlo dire parlando di una leggenda”, ha spiegato McGregor, in relazione al suo ultimo incontro vinto in UFC contro Donald “Cowboy” Cerrone negli scorsi mesi. “Il modo in cui i fans sminuiscono le cose che fai è impressionante. ‘Non hai ancora affrontato lui…’. La vedo un po’ come uno specchio, con una persona davanti che dice e pensa cose del genere…penso che sia un modo di trasmettere delle proprie insicurezze”, ha affermato il fighter.

“Penso questo perché una persona così non ha mai affrontano nessuno sulla faccia della Terra! Ti dice ‘Tu non hai fatto quello o questo’…ma in realtà è ciò che lui pensa di sé stesso! Lui è quello che non ha fatto nulla, in qualsiasi ambito. Quindi, mi ripeto, è un po’ come uno specchio. Finché queste persone pensano che tutti giri intorno a loro, andrà sempre così”, ha concluso McGregor.

Una visione sicuramente molto diretta del tema quella del lottatore irlandese. Che però va a sottolineare come, molto spesso, le critiche arrivate da internet e dai social possano essere deleterie e anche abbastanza inutile. Oltre ad arrivare da persone che, probabilmente, potrebbero riflettere sugli altri con un atteggiamento duro le loro insicurezze.

Previous articleNishikori: “I giocatori in Top 20 di oggi sono più forti rispetto a 5 anni fa”
Next articleBrunson: “Holland? Superiore a lui in ogni aspetto”
Giornalista pubblicista, studente di Scienze Motorie. Calcio, tennis, wrestling. La scrittura come passione, lavoro e veicolo emotivo. Su Contra-Ataque perché proporre qualcosa di differente, al giorno d'oggi, è fondamentale.