SHARE
UFC
FOTO - Twitter

Grandissima notizia per quanto riguarda l’inizio del 2021 della UFC. La promotion di Dana White, infatti, potrà contare finalmente sul pubblico per quanto riguarda gli eventi che si svolgeranno sulla ribattezzata Fight Island ad Abu Dhabi. I prossimi tre eventi UFC, infatti, si svolgeranno tutti all’Etihad Arena e, in quelle occasioni, sarà possibile accogliere (seppur in numero ovviamente limitato) alcuni tifosi e appassionati delle arti marziali miste. Si tratterà quindi del ritorno del pubblico dopo quasi un anno di assenza in un evento UFC.

UFC, annunciato il ritorno del pubblico alla Fight Island

La notizia arriva direttamente dal Dipartimento di Cultura e Turismo di Abu Dhabi, che spiega come questa novità sarà dunque possibile da attuare. L’organizzazione avrà in particolare 3 eventi che si disputeranno tutti nella Fight Island. Parliamo di UFC on ABC 1 di sabato prossimo, UFC on ESPN 20 del 20 gennaio e soprattutto UFC 257 del 23 gennaio. Il primo evento avrà come main event Max Holloway contro Calvin Kattar, il secondo Michael Chiesa vs Neil Magny e il terzo, oltre che il più importante, vedrà avvenire la rivincita tra Conor McGregor e Dustin Poirier.

Arriva dunque un’ottima notizia per quanto riguarda lo spettacolo della UFC. Al momento, però, non è stato reso noto il numero di tifosi che potranno effettivamente presentarsi all’evento e assistere agli incontri dal vivo. Certamente, per via delle vigenti regole di distanziamento sociale dettate dalla pandemia di COVID-19, il numero di persone che sarà presente all’interno dell’Etihad Arena sarà inevitabilmente limitato, probabilmente meno della metà del pubblico in condizioni normali.

Leggi anche:  Dana White su McGregor: "Ha molti detrattori ma ha dimostrato a tutti che si sbagliavano"

Nonostante questo, però, si tratta ovviamente di una buona notizia. Nonché di un primo segno di normalità, anche se parziale, dopo mesi di buio quasi assoluto. La promotion si prepara dunque ad abbracciare nuovamente il suo pubblico, dopo mesi difficili e “silenziosi” nei palazzetti e nelle arene durante i match.

SHARE