SHARE
Emerson
FOTO - Twitter Emerson Palmieri

L’Inter doveva essere la favorita per la vittoria dello Scudetto, ma quello che si preannunciava come un campionato senza storia ha solamente evidenziato i limiti della squadra di Conte, incapace di inserire nel suo progetto tecnico giocatori del calibro di Eriksen, Nainggolan e Perisic. Nella sfida contro la Roma, tuttavia, è emerso l’anello più debole della squadra nerazzurra: la fascia sinistra, presidiata prima da Darmian prima e Young poi.

Nessuno dei due, infatti, è riuscito a garantire solidità e affidabilità né nella gara contro la Roma né in tutto il resto del campionato. L’esterno inglese, in particolare, è una delle più grandi delusioni di questa prima parte di stagione, anche perché nei primi 6 mesi della sua esperienza nerazzurra aveva convinto con grandi prestazioni. L’età non più verde si sta facendo probabilmente sentire: discorso simile per quanto riguarda Darmian e Kolarov, con quest’ultimo che tuttavia è arrivato per essere sfruttato più da difensore centrale. Per questo motivo, Conte ha chiesto a Marotta di intervenire sul mercato: negli ultimi giorni Marotta ha quindi puntato con decisioni su Emerson Palmieri, in uscita dal Chelsea.

Marotta pesca in Premier: vicino Emerson Palmieri!

Il terzino italiano di origini brasiliane, infatti, non è mai stato considerato da Lampard né da suoi predecessori come una prima scelta. L’arrivo di Chilwell ne ha ulteriormente limitato il minutaggio, fermo a 508 minuti, 88 dei quali giocati in Premier League. Con un contratto in scadenza nel 2022 e con un passato in Serie A, Marotta avrebbe individuato in lui il profilo perfetto per Conte, che lo vorrebbe già avere agli inizi di gennaio.

Leggi anche:  Milan bruciato, Simakan va in Germania! Sostituirà un top player

Economicamente parlando, dopotutto, si tratterebbe di un’operazione non troppo costosa (circa 20 milioni di euro) e capace di ringiovanire la rosa dell’Inter, dato che Emerson ha compiuto 26 anni ad agosto. Le sue qualità, inoltre, sarebbero perfette per il 3-5-2 di Conte, che non a caso l’aveva voluto e ottenuto anche quando allenava il Chelsea: rapidissimo, tecnicamente dotato e soprattutto bravo tanto in fase difensiva quanto in quella offensiva, Emerson potrebbe rivelarsi decisivo nel girone di ritorno, garantendo corsa e qualità ad un Inter che inseguirà lo Scudetto fino alla fine.