SHARE
Nadal
FOTO - Twitter Nadal

Stefanos Tsitsipas è uno dei tennisti delle nuove generazioni più interessanti a livello globale. Addirittura un ex numero 1 come Andy Roddick lo ha decretato erede designato di Roger Federer. In attesa che questo avvenga o meno, Tsitsipas è sicuramente un giocatore molto valido. In una recente intervista il tennista ha parlato di un altro big del mondo professionistico maschile come Rafael Nadal, dando una sua personale prospettiva sul dominio su terra rossa del maiorchino.

Tsitsipas: “Nadal domina sulla terra rossa ma sulle altre superfici…”

Tsitsipas ha infatti spiega come, secondo il suo parere, il dominio di Nadal sulla terra rossa gli abbia forse impedito di crescere maggiormente sulle altre superfici. “La terra battuta è una superficie ideale per imparare le tecniche e le tattiche riguardo il gioco del tennis. Allo stesso tempo, però, nonostante questa superficie aiuti soprattutto i tennisti più pazienti nel circuito, rende difficile l’adattamento degli atleti sulle altre superfici, specialmente quelle in cemento. Penso allo stesso Rafael Nadal, che sulla terra ha dominato per tutta la sua carriera ma che, invece, ha sempre trovato problemi quando si trattava di giocare su altri campi”. Un’osservazione di certo non del tutto sbagliata da parte del collega di Nadal.

Tsitsipas ha poi garantito che, a differenza dello spagnolo, non vuole commettere lo stesso errore, se così si può chiamare. “C’è voluto tempo prima che io mi riuscissi ad ambientare alle altre superfici, però alla fine ci sono riuscito. La tecnica in questo gioco è fondamentale e bisogna controllare bene la pallina. Se colpisci bene la palla tutto il tuo gioco ne beneficia”, conclude il ragazzo.

Ovviamente il punto di vista di Tsitsipas non vuole essere un’offesa nei confronti di Nadal. Ci sono però, effettivamente, tennisti che sono sembrati più completi per quanto concerne anche le altre superfici, come gli stessi Roger Federer e Novak Djokovic nell’arco della loro vincente carriera.

SHARE