Home Altri Sport Duro botta e risposta social tra Mark Henry e Ryback

Duro botta e risposta social tra Mark Henry e Ryback

Mark Henry
FOTO - Twitter

Da quando ha lasciato la WWE, Ryback non ha mai nascosto tutto il suo rancore per il funzionamento della compagnia, dando spesso pareri molto pesanti e andando a provocare pure tanti lottatori. Questa volta l’ex Intercontinental Champion ha avuto un pesante e feroce botta e risposta social con l’Hall of Famer ed ex World Heavyweight Champion Mark Henry. Il lottatore di colore ha infatti replicato ad alcune precedenti dichiarazioni di Ryback, tramite le quali l’ex membro del Nexus spiegava come i titoli minori siano di fatto delle perdite di tempo, peraltro assegnati non a chi lo merita ma a tavolino.

Duro botta e risposta social tra Mark Henry e Ryback

Così Henry ha spiegato: “Molti dei suoi colleghi considerano difficile lavorarci insieme e lo consideravano pericoloso. Quello che fa la WWE è spettacolo, sport-entertainment. Si tratta di un riflesso dello sport ma non si può dire che sia falso, un titolo è un titolo. Io sono stato campione del mondo in 3 sport e tra questi c’è anche il wrestling professionistico, però sono state le mie capacità che mi hanno portato al top, il fatto che fossi un intrattenitore”.

Dopo questo commento Ryback ha però replicato su Twitter a una frase di un suo fan scrivendo: “Si è trattato di una dichiarazione al 100% pagata dalla WWE. Non voglio scatenare odio su Mark ma l’ho bloccato sui social. Lui conosce bene tutte le bugie che ha detto ma questo è ciò che ha fatto”, ha spiegato Ryback, andando anche a parafrasare una catch phrase di Henry (“That’s what i do”).

Successivamente Ryback ha aggiunto, ringraziando i fan: “Grazie per l’amore e il supporto contro Mark Henry. Vedremo come stanno le cose nei prossimi 10-15 anni. Lui continuerà ad essere a lungo un burattino pagato dalla WWE ed io continuerò a parlare male di loro”. Peraltro Ryback ha spiega anche un retroscena: “John Cena non voleva lavorare con lui nei live event, perché credeva che lui fosse una merda. Così mi sono offerto di lavorarci io, il che fisicamente è stato difficile”.

Infine, lo stesso Ryback ha raccontato un episodio che sarebbe avvenuto nel backstage prima del suo incontro di Wrestlemania proprio contro Mark Henry: “Dormiva in Gorilla Position prima del nostro incontro. Un produttore è venuto da me dicendomi ‘buona fortuna con quel grosso pezzo di merda’. Non si è impegnato per niente nel costruire il nostro incontro”.

Previous articleWWE, annunciate le sedi delle edizioni 37, 38 e 39 di Wrestlemania
Next articleManchester City Aston Villa, Premier League: pronostici e analisi
Giornalista pubblicista, studente di Scienze Motorie. Calcio, tennis, wrestling. La scrittura come passione, lavoro e veicolo emotivo. Su Contra-Ataque perché proporre qualcosa di differente, al giorno d'oggi, è fondamentale.