SHARE
Jon Moxley
FOTO - Twitter Jon Moxley

Conosciuto per anni come Dean Ambrose in WWE, nell’ultimo periodo della sua vita da lottatore Jon Moxley è invece un perno della AEW di Tony Khan. Di recente ha perso il titolo mondiale della federazione contro Kenny Omega ma resta uno dei lottatori più forti al mondo, con un personaggio che ora gli sembra più affine alle sue corde. Uno dei motivi per cui Moxley aveva lasciato la WWE, infatti, sembra riguardasse proprio l’insoddisfazione di ciò che veniva chiamato a fare e per le sue storyline. Intervenuto per un Q&A organizzato da Bleacher Report, Moxley ha parlato di vari temi tra cui il suo passato nello Shield e un eventuale ritorno in WWE.

Jon Moxley afferma che potrebbe tornare in WWE

A Moxley viene chiesto innanzitutto dei suoi ex compagni dello Shield: “Li sento molto occasionalmente, anche se il legame tra noi è ancora forte. Seth ora ha un figlio, una cosa bellissima. Siamo tutti molto impegnati, nelle nostre piccole bolle dettate dalla pandemia. Ma il bello del wrestling è proprio che non si tratta mai di un addio, solo di un arrivederci. Quando vivi delle cose con determinate persone resti sempre legato a loro. Mi manca far parte dello Shield? No, sono concentrato su altro ma sicuramente ricordo quel periodo con affetto”, ha spiegato.

Jon Moxley ha detto la sua anche riguardo a un potenziale ritorno in WWE, alle giuste condizioni: “Mai dire mai, lo dico soprattutto perché non voglio essere costretto a rimangiarmi ciò che dico tra qualche anno, proprio perché non si sa mai cosa possa accadere in futuro. Non escluderei di fare affare con la WWE, abbiamo avuto una relazione vantaggiosa a livello reciproco per molto tempo. Se mi chiamassero li ascolterei ma dubito che potremmo mai trovarci sulla stessa lunghezza d’onda. Ho un figlio in arrivo e voglio fargli frequentare il college quindi risponderei di sicuro a una telefonata. Ma dubito fortemente che si possa poi concretizzare qualcosa”.

Leggi anche:  WWE Elimination Chamber 2021 è uno dei PPV più brevi nella storia della federazione
SHARE