SHARE
Lars Sullivan
FOTO - Twitter

Nelle scorse ore è stato rivelato come Lars Sullivan sia stato licenziato dalla WWE. Il lottatore, che aveva manifestato problemi di ansia in passato ed era finito nel centro del ciclone per via di un video hard, non fa più parte del roster di SmackDown, a quanto pare da dicembre. Sullivan doveva in realtà ricevere un push molto importante, tanto è vero che aveva fatto un paio di comparsate molto valide in un paio di puntate dello show blu.

A quanto pare, però, il ragazzo ha continuato a soffrire di attacchi di ansia. Dopo aver mancato alcune presenze e convocazioni, la WWE ha deciso di licenziarlo.
Lo stesso Lars Sullivan ha parlato per la prima volta del suo licenziamento attraverso alcune dichiarazioni affidate a Fightful Select.

CONOR MCGREGOR, IL COACH ANALIZZA IL KO CONTRO POIRIER

Lars Sullivan parla per la prima volta del suo licenziamento

Sullivan ha inizialmente confermato il licenziamento per poi entrare più nel dettaglio della questione. L’ex lottatore WWE ha non solo spiegato come fosse sorpreso del mancato annuncio della federazione a riguardo ma ha spiegato anche come la WWE lo abbia lasciato andare via con compassione e onestà. La separazione dunque è stata cordiale e senza rancori.

Lars Sullivan è poi entrato nel dettaglio della vicenda andando a parlare dei suoi problemi di ansia e specificando inoltre di aver chiuso con li wrestling professionistico, annunciando di fatto il suo ritiro. Sullivan ha vissuto problemi di ansia paralizzante, spiegando anche che nei giorni delle registrazioni televisive faceva fatica a mangiare e dormire. Peraltro ha ammesso di aver perso il padre l’anno scorso. Un evento che ovviamente si è aggiunto a tutti gli altri.

CONOR MCGREGOR POTREBBE ARRIVARE IN WWE SECONDO SHEAMUS

L’ex lottatore di NXT è parso a tratti molto duro con sé stesso, spiegando di rappresentare il suo peggior nemico e di essere responsabile primario di numerosi problemi che gli hanno impedito di guadagnare terreno in quello che lui stesso avrebbe definito come il lavoro dei suoi sogni.

Il ragazzo – che ha specificato pure di essere stato trattato bene sia in ufficio che dagli altri lottatori WWE – ha definito alcune sue azioni come idiozie, ammettendo di aver avuto un comportamento da persona egoista. Infine, nonostante ciò, Sullivan ha comunqe mostrato gratitudine per aver lavorato in WWE.

RONDA ROUSEY PRONTA A TORNARE IN WWE?

SHARE