SHARE
nwa nick aldis
Fonte Immagine: @ahmadabujamous3 (Twitter)

Dal 21 ottobre 2018 Nick Aldis è il detentore dell’NWA World Heavyweight Championship, da quasi quattro anni è l’uomo di punta e il volto della National Wrestling Alliance, un tempo la più importante compagnia di wrestling del Nord America e oggi neanche paragonabile a colossi come la WWE e la AEW.

Ex stella della versione britannica di American Gladiators, wrestler professionista dal 2008 quando fece il suo esordio in TNA come Brutus Magnus – presto trasformato nel solo “Magnus” – Nick Aldis rivendica comunque l’importanza della cintura che porta alla vita e ha recentemente spiegato perché non ha mai firmato con le più importanti major USA.

Nick Aldis: “Il vero titolo del mondo è quello della NWA”

Come riporta WrestlingInc.com, il wrestler britannico ha raccontato di come sia fondamentale per lui trovarsi a proprio agio nella compagnia in cui lavora e sentirsi valorizzato, indipendentemente dai titoli vinti. Per questo motivo avrebbe desiderato lasciare la TNA anche quando ne era il campione massimo, nel 2014, e quando vi fece ritorno come GFW World Heavyweight Champion.

WWE: PARKER BOUDREAUX, CHI È IL “NUOVO BROCK LESNAR”

“A volte il problema è uno scontro di personalità e io ne ho avuto uno con John Gaburick (uno dei responsabili della TNA): a volte le cose si rompono, anche se lui se fosse stato più onesto avrebbe potuto fare qualcosa per rimediare. Ma è diventata una questione di orgoglio.”

Sposato con Mickie James, pur non avendo mai lottato né in WWE né in AEW Nick Aldis è un 4 volte campione del mondo, avendo conquistato il massimo alloro in TNA, in GFW e due volte in NWA. Il titolo che porta alla vita è il più antico in circolazione nel mondo del pro-wrestling, e ne rivendica orgogliosamente l’importanza rispetto a quelli delle major definendosi “the Real World Champion”, il vero campione del mondo.

“Le altre compagnie hanno creato i loro titoli perché non potevano avere questo. Ripeto questa cosa, detta da Ric Flair o Bobby Heenan: voi ragazzi avete cambiato aspetto alla vostra cintura 50 volte, ne avete due, una rossa e una blu, una spinning o come vi pare. Lo capisco, ma questa è sempre rimasta la stessa. Harley Race, Ric Flair, Dusty Rhodes, Terry Funk e adesso potete vedere me indossarla. Quindi questo è il vero titolo del mondo, questo significa qualcosa.”

GOLDBERG: “ECCO IL MIO MONTE RUSHMORE DEL FUTURO”

No a WWE e AEW

Nick Aldis ha quindi spiegato il motivo per cui non è mai apparso in WWE o in AEW, nonostante l’importanza delle due compagnie. Alcuni anni fa il wrestler britannico aveva spiegato che la compagnia di Vince McMahon non gli avrebbe mai dato una possibilità a causa di non meglio precisate “ragioni politiche”. Oggi torna sull’argomento a proposito della compagnia di Jacksonville.

“Ho avuto la possibilità di firmare per la AEW e ho gentilmente rifiutato. Ai tempi ho preso la decisione che ritenevo giusta, perché Tony Khan aveva già dei ragazzi di enorme talento come Jericho, Cody, Kenny Omega. Non avevano bisogno di me e il mio ego non è così grande. La NWA aveva bisogno di me e io preferivo restare, questa è la verità. E non è che non mi piacciano, dire che preferisci una cosa non significa che non ti piaccia l’altra. Quando hai un roster pieno di stelle succede che alcuni di loro debbano lavorare nel midcarding, si creano malcontenti. E poi i fan sono scontenti.”

WWE, LARS SULLIVAN LICENZIATO: STORIA DI UN PUSH MAI REALIZZATO

Una riflessione che per l’attuale NWA World Heavyweight Champion vale anche per la WWE.

“Hanno molto denaro, e possono convincere talenti come Robert Roode o Cesaro che con il giusto approccio potrebbero arrivare in cima. Ma hai Roman Reigns. Per cui si, Cesaro è sottovalutato, ma viene comunque pagato bene e in alto c’è un solo posto.”

Vedremo mai Nick Aldis difendere il titolo in AEW?

“Se ne parla molto, ma personalmente sono più interessato a costruire la NWA. Non ho bisogno di affrontare altri campioni per dimostrare l’importanza della cintura che porto alla vita. I nomi di chi mi ha preceduto come campione del mondo parlano da soli.”

 

SHARE