Home Altri Sport WrestleMania 37, avremo Nexus VS Retribution?

WrestleMania 37, avremo Nexus VS Retribution?

wrestlemania nexus vs retribution

WrestleMania 37 è ormai alle porte: tra poco più di due mesi l’edizione 2021 del Grandaddy of Them All andrà in scena al Raymond James Stadium di Tampa, Florida, lo stesso impianto che avrebbe dovuto ospitare la scorsa edizione prima che il coronavirus cambiasse tutto.

La pandemia ha modificato le abitudini di tutto il mondo e ha avuto un grandissimo impatto anche sul wrestling: la puntata di RAW del 9 marzo 2020 è stata l’ultima in cui la WWE ha potuto ospitare il pubblico, e WrestleMania 36 è andata in scena in un silenzio surreale e divisa in due serate.

WrestleMania 37, possibile lo scontro tra Nexus e Retribution?

Un anno più tardi, purtroppo, la situazione non è cambiata: nonostante gli sforzi dell’intero pianeta nel cercare cure e vaccini ancora non è chiaro se la WWE potrà ospitare i fan in occasione di WrestleMania 37, mentre quello che è certo è che ancora una volta lo show sarà diviso in due serate distinte.

WWE, Bianca Belair: chi è il presente e il futuro della divisione femminile

Per questo motivo la compagnia starebbe studiando una card ricchissima, che oltre ovviamente a prevedere spettacolo, match titolati e grandi nomi dovrà essere complessivamente solida e ricca di avvenimenti.

Uno di questi potrebbe essere stato svelato a The Dropckic Podcast da Fred Rosser, conosciuto in WWE come Darren Young e membro originale del Nexus: la stable potrebbe effettuare una reunion “one night only” proprio in occasione di WrestleMania 37.

Saltato il coinvolgimento della stable nel Firefly Funhouse match tra John Cena e The Fiend dello scorso anno, ecco quale sarebbe lo scenario: un promo della Retribution, con Mustafa Ali che si lamenta di non avere avversari per la sua stable interrotto da Wade Barrett.

Oggi impegnato al tavolo di commento, l’ex leader del Nexus andrebbe ad affrontare Ali insieme ai compagni di un tempo.

WWE, Alexa Bliss e il fidanzato nel mirino di uno stalker

Un segmento accattivante, senza dubbio, ma che è tutt’altro che certo possa concretizzarsi. I pochi membri originali oggi disponibili mancano di starpower, Barrett a parte, e un gruppo di heel che attacca un altro gruppo di heel dal nulla avrebbe poco senso – nostalgismi a parte – e rischierebbe di risultare poco accattivante.

Anche avesse avuto in mente questo segmento, inoltre, difficile che la WWE porti avanti la cosa dopo la rivelazione di Darren Young. In ogni caso per scoprire la verità non resta che aspettare: Wrestlemania 37 sta arrivando.

Previous articleNXT: chi è Tian Sha, la wrestler di 2000 anni allenata da un drago
Next articleWWE, Terry Funk: problemi di salute per il leggendario wrestler