SHARE
Eric Bischoff
FOTO - Twitter Eric Bischoff

Che lo si ami o lo si odi, Eric Bischoff è una vera e propria leggenda del mondo del wrestling. Parliamo infatti di uno dei migliori uomini legati al “dietro le quinte” della disciplina, con tantissime idee (non sempre riuscite bene) e anche alcuni ruoli on screen iconici. Bischoff si sta concentrando ultimamente sul suo podcast dopo l’ultimo – e brevissimo – impegno di qualche mese fa come “gestore” del piano creativo di SmackDown. In una recente intervista, Eric Bischoff ha parlato dei due attuali campioni della compagnia, cioè il WWE Champion Drew McIntyre e lo Universal Champion Roman Reigns. Secondo il suo parere, entrambi non diventeranno il nuovo volto della compagnia. Questo però non per loro limiti ma per volere della WWE stessa.

WWE, Shinsuke Nakamura: ecco quali sono i piani per lui

WWE, Eric Bischoff: il suo parere su Drew McIntyre e Roman Reigns

Bischoff ha spiegato meglio il suo concetto con queste parole: “Non mi sorprenderebbe che a un certo punto Vince McMahon abbia deciso di non permettere a nessuno tra i talenti del roster di diventare tanto potente da mettere la WWE in una posizione secondaria. Penso che questo sia uno dei motivi per cui si vedono tantissimi talenti che sono tutti dello stesso livello. Due grandi esempi sono Drew McIntyre e Roman Reigns”.

WWE, Parker Boudreaux: chi è il “nuovo Brock Lesnar”

Bischoff entra poi nel dettaglio: “Uno di loro – o anche entrambi – potrebbero essere un talento da volto della compagnia, come la gente ama definire questa situazione. Ma non penso che uno dei due arriverà a ottenere questo spot. Non è una questione di capacità o di bravura ma è proprio il modello di business della WWE che non lo prevede”.

Leggi anche:  AEW e WWE, possibile un crossover? Per Cody "mai dire mai"

Di certo, sia lo scozzese che il samoano sono due tra i lottatori più importanti della WWE al momento e degli ultimi anni.

WWE, Edge: ecco chi gli ha fatto vincere il Royal Rumble match