SHARE
wrestlemania kurt angle
Fonte Immagine: @WRESTLEZONEcom (Twitter)

Kurt Angle ha recentemente lanciato il suo podcast personale, condotto insieme a Conrad Thompson e in cui ha annunciato a tutti i suoi fan l’intenzione di dire la sua sul mondo del wrestling e sulla sua carriera senza alcun pelo sulla lingua.

Nel corso dell’ultimo episodio di The Kurt Angle Show, l’ex medaglia d’oro olimpica e icona della WWE è tornato sul suo match di ritiro avvenuto a WrestleMania 35 contro King Corbin, un incontro che ha lasciato l’amaro in bocca a tutti i suoi fan per numerosi motivi.

Kurt Angle: “Il mio ultimo match con Corbin a WrestleMania è stato un riempitivo”

Ogni fan di wrestling avrà sicuramente il proprio personale Monte Rushmore della disciplina, e per chi scrive sicuramente Kurt Angle fa parte di questa ristretta cerchia. In ogni caso la grandezza dell’Olympic Hero è fuori discussione per qualsiasi amante della disciplina, ed è difficile affermare che la WWE lo abbia salutato come meritava.

L’addio è infatti arrivato nella cornice prestigiosa di WrestleMania 35, ma certo non contro un grande nome e in un incontro abbastanza anonimo, che per giunta lo ha visto uscire sconfitto. Una pessima scelta, che ha attirato non poche critiche alla compagnia e che oggi appare persino assurda.

Dopo aver sconfitto una leggenda come Angle a WrestleMania, infatti, King Corbin ha continuato a galleggiare nel midcarding senza mai dare l’impressione di poter diventare una stella anche solo lontanamente paragonabile all’Olympic Hero.

“Di solito avevamo pronta la card di WrestleMania già a dicembre, ma quell’anno le cose non funzionavano così bene come gli anni precedenti. Credo che il programma definitivo al 100% sia stato stilato una settimana prima. Non sapevo se avrei fatto parte della cosa, credo sia stata una loro decisione in extremis per farmi partecipare.”

Leggi anche:  Elimination Chamber 2021, promossi e bocciati

Angle afferma che la rivalità con Corbin era già andata in scena e che “decisero di riproporla, così avrebbero avuto allo stesso tempo il mio match di ritiro e un buon riempitivo. Penso davvero che il mio match sia stato un riempitivo: quando sei 14° nella card, subito dopo Batista VS Triple H e prima del main event, quando lotti meno di 6 minuti a WrestleMania, sai di essere in un match riempitivo. Ed è quello che è stato.”

Pur avendo detto la sua senza polemica, Kurt Angle ha riaperto una ferita mai rimarginata nei suoi fan: Stone Cold ha avuto il suo ultimo match con The Rock, Ric Flair con Shawn Michaels e quest’ultimo con The Undertaker. L’Olympic Hero, per quanto fatto in carriera e per quanto dato alla WWE, avrebbe meritato lo stesso trattamento.