SHARE
wwe retribution
Fonte Immagine: @AliWWE (Twitter)

La Retribution è già arrivata al capolinea? Secondo quanto visto nelle ultime settimane – ma praticamente da sempre – sembrerebbe proprio che sia così. E onestamente la scomparsa di questa improbabile stable non potrebbe essere che un bene per tutti i suoi componenti.

Retribution ai titoli di coda?

5 ottobre 2020, Monday Night RAW: l’incontro tra il talentuoso Mustafa Ali e il leader dell’Hurt Business MVP viene interrotto improvvisamente dall’arrivo della Retribution, una stable di misteriosi uomini mascherati che da poco è entrata a far parte dello show del lunedì della WWE.

WWE Elimination Chamber 2021: i risultati del PPV

Comparsi praticamente dal nulla in piena estate, dopo aver aggredito a più riprese annunciatori e pubblico presente e aver devastato a più riprese lo stage, arrivando a tagliare le corde del ring con una motosega, i membri della cosiddetta Retribution si sono rivelati essere wrestler, delusi dal sistema WWE e decisi a scuoterlo dalla base.

Il 5 ottobre Mustafa Ali finisce per trovarsi faccia a faccia con i due membri più mastodontici del gruppo, T-Bar e Mace, ma invece di affrontarli cambia improvvisamente espressione, rivelandosi il leader segreto di questo gruppo di rinnegati e ordinando il massacro dell’Hurt Business.

Non solo è un turn heel perfettamente riuscito per un wrestler di spessore ma privo di una vera caratterizzazione, ma è anche una delle purtroppo rare volte in cui la WWE si ricollega a storyline accennate mesi prima e poi apparentemente accantonate: Ali non solo si rivela essere il leader della Retribution, ma anche il misterioso hacker che a lungo aveva interferito con gli show della WWE.

WWE Elimination Chamber 2021 è uno dei PPV più brevi nella storia della federazione

Un momento decisamente intrigante a cui purtroppo non seguirà uno sviluppo all’altezza: il turn heel di Mustafa Ali non servirà infatti a risollevare il destino dei membri di una stable accolta malissimo dal pubblico fin dalla sua prima comparsa ufficiale, mai né vincente né convincente sul ring e che il WWE Universe – e la WWE stessa, probabilmente – ha sempre considerato una macchietta con credibilità pari a zero.

Un inizio tremendo

Presentatasi a RAW come un vero e proprio esercito, la Retribution si è ridotta nel giro di un pugno di apparizioni a contare appena 5 membri: Ali, appunto, poi Mia Yim, Dominik Dijakovic, Dio Maddin e Shane Thorne, mascherati e rinominati rispettivamente Reckoning, T-Bar, Mace e Slapjack.

Elimination Chamber 2021, promossi e bocciati

Forse per i nomi da battaglia improbabili, forse per le maschere, probabilmente per un booking pessimo – sconfitti fin dall’esordio, roba che manco Curt Hawkins – il quintetto non è mai decollato nonostante l’indiscutibile talento in ring di tutti i suoi componenti.

Le critiche sono state incredibilmente feroci da parte di fan e addetti ai lavori, e in questo senso è memorabile l’affermazione di Adam Silverstein di CBS Sports: “Per lo più saltellano in giro e gridano “Yeah!” come un gruppo di adolescenti che crea problemi a scuola.”

Bastonata a più riprese dall’Hurt Business, pestata inesorabilmente da The Fiend, la Retribution si è poi inspiegabilmente impegnata in un feud contro il solo Ricochet, registrando una serie di vittorie che però si sono rivelate completamente inutili.

WrestleMania 37, avremo Nexus VS Retribution?

Retribution, un fallimento su tutta la linea

L’obiettivo del gruppo era infatti quello di costringere il wrestler a unirsi a loro “altrimenti sarebbero stati guai”, ma questi si è semplicemente continuato a negare. Senza alcuna conseguenza e senza che più nessuno ne parlasse.

Disastroso lo score sul ring: la Retribution ha incassato sconfitte in serie fin dal debutto, prendendosi qualche vittoria giusto contro Ricochet e, in un’occasione, contro il Team RAW formato da Braun Strowman, Keith Lee, Riddle e Sheamus.

Quest’ultimo incontro la dice lunga sulla gestione del gruppo da parte dei booker: un successo arrivato solo per sottolineare le tensioni tra i membri del team che avrebbe dovuto lottare alle Survivor Series, seguito da settimane di assoluto oblio e poi da un ritorno costellato ancora di sconfitte e fallimenti.

A nulla è valsa l’interpretazione sempre convincente di Mustafa Ali nei panni del leader carismatico, a niente sono serviti l’impegno dei membri che anche – e soprattutto – sui social non hanno mancato di farsi sentire, disturbando e provocando molti altri wrestler tra cui anche alcuni esterni alla WWE.

RAW, i motivi di una crisi: tutto quello che non funziona nello show rosso

Niente da fare, la Retribution è sembrata segnata fin da subito e adesso sembra finalmente arrivata all’epilogo, a meno di 7 mesi dalla sua comparsa e a meno di 5 dalla rivelazione di Mustafa Ali, il leader che avrebbe dovuto guidarla nel distruggere il sistema.

Un fallimento annunciato

Proprio Ali è stato incredibilmente beffato da John Morrison nel Fatal 4-Way che prima di Elimination Chamber avrebbe potuto garantirgli un posto per lo US Championship, sorpreso da un roll-up in un match senza squalifiche in cui era l’unico a poter disporre di un aiuto esterno.

WWE Championship: i possibili piani per Wrestlemania dopo Elimination Chamber

Il giorno successivo, a RAW, ecco l’ennesima sconfitta da parte di T-Bar e Mace contro il New Day, seguita dalla rabbia e dalla frustrazione di Ali che ha chiesto ai suoi fino a quando intendevano continuare a metterlo in imbarazzo.

https://twitter.com/WWE/status/1364304028952363015

Parole a cui T-Bar, Mace, Slapjack e Reckoning hanno risposto in maniera piccata via Twitter. Particolarmente interessante la risposta della fu Mia Yim, che si è chiesta quanto ancora loro avrebbero dovuto continuare a subire questa cosa: ambiguo il riferimento, che poteva essere Ali o la Retribution stessa.

La Retribution sembra già arrivata ai titoli di coda, e la cosa dovrebbe far tirare un sospiro di sollievo un po’ a tutti: ai fan, che non hanno mai digerito il pessimo impatto avuto dal gruppo e la terribile storyline – una compagnia che assume chi la mette a soqquadro – e ai diretti interessati, che forse con il tempo avranno la possibilità di ricostruirsi e giocarsi meglio la loro possibilità nel main roster.

WWE, The Miz: che ruolo avrà a Wrestlemania?

Eppure un pregio a questa improbabile storia bisognerà sempre riconoscerlo. E cioè quello di aver rappresentato perfettamente tutto quello che una stable non deve essere per avere successo. In questo senso possiamo parlare di eccellenza. La Retribution è morta? Viva la Retribution.

SHARE