SHARE
chris adonis chris masters
Fonte Immagine: @AlistairMcG (Twitter)

Chris Masters debutta in WWE a soli 22 anni e la sua è una prima volta decisamente indimenticabile: prima scende da una limousine invitando una leggenda come Ric Flair a osservarlo “per imparare qualcosa”, quindi distrugge un veterano come Stevie Richards dopo avergli rotto il naso con un Polish Hammer errato.

La carriera nel pro-wrestling di Cristopher Mordetzky, questo il suo vero nome, si potrebbe davvero riassumere tutta in queste poche righe: una straordinaria presenza scenica, un talento tecnicamente mai davvero sbocciato e una serie di errori – dentro e fuori ring – che lo hanno tenuto costantemente lontano da quei traguardi che forse lui per primo ha dato per scontati troppo presto.

WrestleMania 37, biglietti già praticamente esauriti dopo un giorno

Chris Master torna sul ring in NWA

Eppure, nonostante alcune intemperanze caratteriali e un comportamento non sempre professionale al 100%, Chris Masters è stato anche vittima di molti pregiudizi. Quelli che lo hanno relegato costantemente nel midcarding sia nei 4 anni trascorsi in WWE – due stint separati, dal 2005 al 2007 e dal 2009 al 2011 – sia in TNA, dove dal 2015 al 2018 ha galleggiato senza che la compagnia sembrasse avere idee concrete per lui.

Impossibile in queste condizioni dimostrare il proprio reale valore e la passione che lo aveva spinto a intraprendere la carriera di wrestler professionista. Oggi, a 38 anni compiuti a gennaio, il fu “Masterpiece” avrà finalmente la possibilità di smentire i suoi detrattori ripartendo dalla gloriosa NWA, dove debutterà stanotte in un match contro un altro ex WWE, Trevor Murdoch, nel PPV Back for the Attack.

FastLane, Paul Heyman spiega come cambierà il Main Event di WrestleMania

Chris Masters e la NWA possono provare a rinascere insieme: quella che prima dell’avvento della WWE era la federazione più importante di tutto il Nord America tornerà infatti sulle scene a più di un anno di distanza da Hard Times, l’ultimo PPV che il 24 gennaio 2020 ha preceduto la lunga pausa dovuta alla pandemia da covid-19 che ha fermato le compagnie minori.

Opportunità titolata

Il ritorno sul ring dopo tre anni coinciderà con un’opportunità titolata: Masters, che oggi lotta con il ring-name Chris Adonis, sfiderà Murdoch per l’NWA National Heavyweight Championship, cintura che ha una lunga storia alle spalle (è stato creato nel 1980) e che è stata indossata da mostri sacri della disciplina come Larry Zbyszko, Ted DiBiase, Tully Blanchard, Paul Orndorff e Dusty Rhodes, solo per fare alcuni nomi.

WWE FastLane 2021, la card ufficiale del PPV: cosa succederà?

In una lunga intervista esclusiva rilasciata a Metro.Co.uk, l’ex Masterpiece ha espresso le sue impressioni a distanza di poche ore da Back for the Attack, sul match che lo aspetta e sul futuro in NWA.

“Io e Murdoch ci conosciamo da sempre, eravamo in WWE nello stesso periodo. È un tizio molto fisico, old school naturale, ma è valido ancora oggi. Non ci sono molti avversari che avrei potuto preferire per tornare, penso che daremo vita a un bell’incontro. La NWA è una bella piattaforma, capace di creare molto interesse: ci sarà da divertirsi, da appassionato del wrestling old school amo quello che fanno e sono contento di farne parte.”

SHARE