SHARE
UFC
FOTO - Twitter

UFC 260 omaggia della corona un nuovo campione mondiale dei pesi massimi: è Francis Ngannou, che nel secondo scontro con Stipe Miocic stavolta ha la meglio e mette per la prima volta le mani sul titolo Heavyweight della promotion guidata da Dana White. Ngannou culmina una rincorsa iniziata anni addietro e, soprattutto, un PPV molto godibile dall’inizio alla fine.

WrestleMania 37, Bad Bunny VS The Miz sarà un single match: perché?

UFC 260, i risultati: Francis Ngannou sul tetto del mondo

L’evento è ovviamente iniziato con le due card preliminari. Nella prima Marc-André Barriault ha sorprendentemente battuto Abu Azaitar via TKO, interrompendo quindi una striscia di tre sconfitte di fila. A inizio dei secondi preliminari Omar Morales ha sconfitto Shane Young per decisione unanime mentre invece Michal Oleksiejczuk ha battuto Modestas Bukauskas per split decision. Tra i pesi welter buona vittoria di Abubakar Nurmagomedov contro Jared Gooden per decisione unanime e infine Alonzo Menifield ha battuto Fabio Cherant per sottomissione al primo round.

AEW, Sting spiega perché ha firmato con la compagnia e parla del match mai lottato contro Undertaker

La card principale di UFC 260 è iniziata con la vittoria di Jamie Mullarkey su Khama Worthy via KO dopo meno di un minuto. Tra le donne Miranda Maverick ha battuto un po’ a sorpresa Gillian Robertson per decisione unanime mentre il ritorno di Sean O’Malley è stato vittorioso: sconfitto Thomas Almeida per KO al terzo round. Caduta ormai vertiginosa per Tyron Woodley che perde anche contro Vicente Luque per sottomissione al primo round. E nel main event, come già accennato, Francis Ngannou diventa per la prima volta campione dei pesi massimi battendo Stipe Miocic. L’ormai ex campione è stato messo KO dopo 52” del secondo round. E, almeno per ora, pare iniziata l’era del possente africano.

WrestleMania 37, biglietti già praticamente esauriti dopo un giorno

SHARE