SHARE
WWE dabba kato commander azeez
Fonte Immagine: @DabbaKato (Twitter)

Con ogni edizione di WrestleMania la WWE tradizionalmente chiude un percorso lungo un anno e ne comincia un altro che porterà all’edizione successiva. È successo anche quest’anno, quando all’indomani del Grandaddy of Them All numero 37 la compagnia ha annunciato il licenziamento di numerose superstar che lasceranno così spazio ai volti nuovi.

Uno di questi sarà Commander Azeez, nuovo braccio destro di Apollo Crews e determinante nella vittoria di quest’ultimo a WrestleMania nel Nigerian Drum Fight contro Big E valido per l’Intercontinental Championship. Intervenuto senza preavviso nell’incontro, il colossale militare ha steso l’ex New Day con una devastante Chokeslam.

WWE, Raw: annunciati match e segmenti per la prossima puntata

WWE, addio Dabba Kato: benvenuto Commander Azeez

Una mossa che ha servito su un piatto d’argento la vittoria a Crews, che nel corso della prima edizione di SmackDown post-WrestleMania ha presentato al pubblico WWE il suo nuovo protetto. Si tratta di un vero e proprio repackaging di Dabba Kato, wrestler polacco di origini nigeriane e brasiliane che tutti ricorderanno apparve come bodyguard di Shane McMahon durante la breve e dimenticabile esperienza di RAW Underground.

Tutti meno il tavolo di commento, che si è in effetti comportato come se Commander Azeez, questo il suo nuovo ring-name, non fosse mai stato visto prima in circolazione. Esigenze di trama, si dirà, qualcosa che comunque ha fatto sorridere dato il look inconfondibile dell’atleta in questione.

WWE, retroscena sul licenziamento di Samoa Joe

Chi si ricorda di Babatunde?

Si tratta del secondo cambio di nome per Babatunde Aiyegbusi, ex Offensive Tackle nel campionato polacco di football americano entrato nel WWE Performance Center con la classe del 2016 che comprendeva anche Otis, Shane Thorne, Vanessa Borne, Nikki Cross e Bianca Belair. Qualcuno lo ricorderà tra i partecipanti della Greatest Royal Rumble nel 2018: entrato con il numero 37, fu eliminato poco dopo da Braun Strowman.

Mentre presentava Azeez, che sostituirà le anonime guardie che lo accompagnavano sul ring da quando ha cambiato gimmick riscoprendo le sue origini nigeriane, Crews ha anche dato un nome alla sua finisher, un colpo di pollice che ricorda quello del compianto Umaga: Nigerian Nail, “il chiodo nigeriano”.

Billie Kay saluta la WWE con un toccante messaggio sui social

Difficile dire dove Aiyegbusi potrà arrivare con una gimmick apparentemente tanto datata, certo è che almeno avrà l’occasione di mettersi in mostra in TV e probabilmente di mostrare di cosa è capace. Il nuovo braccio destro di Crews, 205 centimetri per 160 chili di peso, era stato rimandato al Performance Center lo scorso dicembre su ordine di Vince McMahon, deluso dalle sue prestazioni sul ring.

La speranza per lui è che in questi mesi sia riuscito a migliorare a sufficienza per restare nel main roster, altrimenti il fallimento sarebbe dietro l’angolo e l’ennesimo repackaging improbabile. Anche se in WWE, visti i precedenti, mai dire mai. Dove arriverà Commander Azeez?

WWE, per Kurt Angle il miglior wrestler tecnico al mondo è Daniel Bryan

SHARE