SHARE
AEW Christian Cage
Fonte Immagine: @WRESTLEZONEcom (Twitter)

A 47 anni Christian Cage sta vivendo una seconda giovinezza in AEW, compagnia in cui è approdato a febbraio dopo essere tornato a sorpresa in WWE poche settimane prima durante la Royal Rumble e a distanza di ben 5 anni dal primo ritiro.

Un ritiro forzato, la conseguenza dei numerosi traumi cranici che per fortuna nel tempo e con le giuste cure sono diventati un ricordo: Christian è tornato nella Rumble vinta dall’amico di sempre Edge per poi abbandonarlo proprio all’inizio della Road to WrestleMania, accasandosi alla AEW e mostrando di non avere perso lo smalto dei giorni migliori.

WWE, Daniel Bryan racconta le strane sensazioni provate a Wrestlemania

AEW, Christian Cage svela i nomi di chi avrebbe voluto affrontare in WWE

Sconfitto Frankie Kazarian all’esordio nella nuova compagnia, Cage si è ripetuto nell’ultima settimana beffando grazie all’esperienza il ben più giovane e atletico Powerhouse Hobbs, membro del Team Taz che lo ha preso di mira dopo l’offerta di alleanza rifiutata dal canadese. Nessuno sa cosa gli riservi il futuro, ma certo è che il fu Captain Charisma è venuto in AEW per chiudere alla grande una carriera che forse rischiava un finale in sordina in caso di permanenza in WWE.

Logico comunque che la possibilità di restare nella federazione a cui ha legato gran parte dei suoi momenti migliori è stata una possibilità, ed è naturale chiedersi non solo come sarebbe andata se fosse rimasto in WWE ma anche quali avversari avrebbe voluto affrontare. Una domanda a cui Christian Cage ha risposto nel corso dell’ultimo episodio del podcast AEW Unrestricted che lo ha visto ospite.

WWE, Charlotte Flair: ecco perché in storyline è stata sospesa

“Direi probabilmente Kevin Owens. Mi piace molto la passione che ha. Mi piace il modo in cui confeziona i promo. Mi piace il suo stile. Anche Sami Zayn. Ho pensato che, specialmente con il personaggio che interpreta adesso, avremmo potuto fare delle cose davvero speciali. Direi che mi sarebbe piaciuto confrontarmi con loro due.”

“Sarò sempre grato a Tony Khan”

Christian Cage ha voluto anche ringraziare il numero uno della AEW Tony Khan per avergli dato l’opportunità di mettersi ancora in gioco, un’opportunità che non era scontata a sentir lui.

AEW, Chris Jericho invita l’ex WWE Tucker al suo podcast

“Dopo il mio primo match ero molto emozionato, sono andato da lui e gli ho chiesto un momento in privato in cui l’ho ringraziato. Gli devo così tanto…mi ha firmato sulla fiducia praticamente. Lottare nella Rumble non è come tornare e lottare un match di 20, 25 o 30 minuti. Non avevo ancora dimostrato nulla su cosa posso o non posso ancora fare su un ring. Mi ha dato un’occasione e non lo dimenticherò mai.”