SHARE
Bellator
FOTO - Bellator

Una notizia assolutamente sorprendente ha stupito il mondo delle MMA. L’ex UFC Anthony Johnson, che ora è tornato dopo il ritiro a lottare in Bellator, vincendo il suo primo match nella nuova promotion per KO, è stato arrestato per quanto riguarda un furto d’identità. A dare la notizia il portale Daily Voice. “Rumble” è stato quasi immediatamente rilasciato poi su cauzione, dopo aver pagato la cifra di 500 dollari. In seguito dovrà comparire davanti al giudice per capire quale sarà il suo destino.

WWE, Braun Strowman elogia i lottatori di grossa stazza

Bellator, Anthony Johnson arrestato per furto di identità

A quanto pare i fatti risalgono a un paio di anni fa, cioè al 2019. A quanto pare infatti Johnson avrebbe rubato l’identità di un’altra persona per l’acquisto di un biglietto aereo tramite carta di credito.

Ecco il verbale d’arresto che spiega meglio la situazione: “IL 9 novembre 20219 alla polizia di New Canaan è stata denunciata da un uomo l’utilizzo da parte di terzi, senza autorizzazione, della carta di credito. Questa è stata utilizzata per acquistare un biglietto aereo di andata e ritorno dalla Florida al New Jersey. Il nome del passeggero era Anthony Johnson. Una successiva indagine ha attestato che lo stesso Johnson abbia utilizzato illegalmente la carta per l’acquisto. Di conseguenza è stato ottenuto un mandato di cattura per le accuse di cui sopra”.

WWE, Jinder Mahal punta a tornare di nuovo campione

Johnson rischia adesso fino a 5 anni prigione o una multa di 5000 dollari e la libertà vigilata, secondo le leggi del Connecticut. Da capire anche se questa disavventura legale possa in qualche maniera pregiudicare il suo nuovo ritorno nelle arti marziali miste alla Bellator. L’ex UFC dovrà presentarsi davanti al giudice l’8 giugno di quest’anno per capire a cosa andrà incontro.

WWE, i possibili piani dopo il ritorno di Jimmy Uso

SHARE