SHARE
Khabib Nurmagomedov
FOTO - Twitter Khabib Nurmagomedov

Attraverso una diretta Instagram il presidente della Cecenia Ramzan Kadyrov (anche proprietario dell’Achmat Groznyj e militare) ha attaccato duramente Khabib Nurmagomedov, parlando di lui come di un progetto della UFC che non difende realmente i colori della Russia.

Wrestling in lutto: scompare per un attacco di cuore New Jack

UFC, Khabib Nurmagomedov viene attaccato da Chimaev e dal presidente della Cecenia

“La UFC costruisce dei suoi progetti che non perdono. Possono farli combattere una volta in 3 anni, cambiare avversari o fargli fingere infortuni. I veri campioni in effetti ogni tanto perdono. Khabib è un buon atleta ma al 100% è un progetto della UFC. Ha un ottimo rapporto con Dana White. Se salta un incontro non è che venga tolto dal ranking come invece accade ad altri. E lui sa bene di essere un progetto. In ogni caso, non l’ho mai visto andare in ottagono con la bandiera russa o quella del Daghestan. Sapeva benissimo cosa lo aspettava per diventare campione”.

Kadyrov ha poi parlato anche di Khamzat Chimaev: “Lui è un caso molto interessante per la UFC. Di fatto è pronto a combattere chiunque in qualsiasi divisione e ha pure delle ottime capacità”. Poi, tornando a Khabib, spiega: “Sono pronto a organizzargli un incontro qui quando vuole, per qualsiasi cifra. Vedremo se riuscirà a sconfiggere chiunque anche qui”.

WWE, le reazioni del backstage alla grande vittoria di Tamina

Lo stesso Chimaev, mentre Kadyrov parlava durante la diretta, ha lasciato un commento decisamente esplicativo: “Vorrà dire che distruggeremo anche lui, se è quel che vuole”.

Difficile comunque che Khabib accetti dato che, ormai da mesi, l’ex campione dei pesi leggeri si è ritirato dalle MMA dopo la morte del padre. Nurmagomedov è riconosciuto come uno degli atletli più forti di sempre e detiene un record di 29-0.

UFC 262: Chandler vs Oliveira, dove vedere in tv e in streaming

SHARE