SHARE
Inter suning
FOTO - Twitter @SempreIntercom

L’Inter si prepara a concludere una stagione trionfale, che l’ha vista imporsi in Serie A fino a conquistare lo Scudetto, il 19° della sua storia.

Il traguardo inseguito fin dal momento della firma di Antonio Conte, arrivata nell’estate del 2019, è finalmente arrivato dopo un anno vissuto a 100 all’ora, senza mai alzare il pedale dall’acceleratore e cercando di ignorare molte voci contrarie.

Suning incassa il prestito e studia un cambio di direzione

Queste hanno inseguito l’Inter fin dall’inizio e riguardavano i conti del club e le difficoltà economiche di Suning, diretta conseguenza della stretta decisa dal governo di Pechino e dal momento non facile del gruppo.

Bonucci, Lucci e la “guerra tra procuratori”: cosa sta succedendo

Stipendi arretrati, Hakimi che a lungo è sembrato potesse tornare a Madrid, la sensazione che il progetto tecnico sarebbe stato ridimensionato dopo aver appena iniziato la scalata. Addirittura si parlava del possibile addio di Antonio Conte.

L’Inter infatti considera lo Scudetto 2020/2021 un punto di partenza e non di arrivo, il primo step per costruirsi un futuro di successi anche in campo internazionale. Questo però è stato messo notevolmente a rischio dalle difficoltà economiche attraversate dal gruppo proprietario.

Il prestito di Oaktree di 275 milioni è in arrivo e permetterà al club di rifiatare e di non smantellare una squadra che anzi necessita di alcuni rinforzi, ma è necessario comunque cambiare rotta. Per progettare un futuro vincente ma allo stesso tempo sereno.

Allegri in bilico tra Juventus, Napoli e Real Madrid: da dove ripartirà?

Meno costi, più ricavi

Ad affermarlo è Marco Bellinazzo, giornalista de Il Sole 24 Ore ed esperto di calcio ed economia: intervenendo ai microfoni di Sky Sport 24, infatti, l’esperto ha affermato che il prestito di Oaktree non cambia l’assetto societario del club e servirà per rimettere a posto i conti pesantemente danneggiati dall’emergenza COVID-19, dato che San Siro con il pubblico avrebbe generato entrate quantificabili in circa 80 milioni di euro.

Il pubblico tornerà quasi sicuramente nella prossima stagione, ma questo comunque non basterà per raddrizzare la barca: per Bellinazzo l’Inter deve tagliare i costi di gestione di almeno il 15% o 20%.

Suning, in arrivo 300 milioni da Oaktree Capital per salvare l’Inter

Il tutto senza snaturare il progetto tecnico, quindi senza ridimensionarsi ulteriormente. Sarà inoltre fondamentale aumentare i ricavi, attraverso un nuovo main sponsor che garantisca entrate decisamente superiori rispetto a Pirelli.

La strada è tracciata, dunque, ma non sarà facile: il prestito di Oaktree permette all’Inter di respirare, ma nel gruppo Suning c’è la consapevolezza che è fondamentale cambiare direzione per un futuro senza brividi. Un’impresa certo non facile.

SHARE