SHARE
Kurt Angle
Fonte Immagine: @WRESTLEZONEcom (Twitter)

Tra i tanti temi affrontati nella più recente puntata del suo show, il WWE Hall of Famer Kurt Angle ha parlato anche di un suo vecchio rivale nell’Attitude Era, cioè Brock Lesnar. The Beast è stato per anni dominante tra wrestling ed MMA e ovviamente tutti aspettano il suo ritorno in WWE, il prima possibile. Ebbene, lo stesso Kurt Angle ha rivelato una cosa che in realtà rappresentava un po’ un segreto di Pulcinella. Cioè come, al momento, la priorità di Brock Lesnar non sia la competizione quanto invece il guadagno, dunque i soldi.

AEW, emergono nuovi dettagli sull’accordo con WarnerMedia

WWE, Kurt Angle spiega cosa interessa davvero a Brock Lesnar

“Brock mi contattò per lavorare insieme in Giappone e alla fine andai in NJPW. Facemmo un incontro fenomenale e vinsi il titolo mondiale contro di lui. Subito dopo il match mi disse che avrei dovuto dire di fronte alla stampa, in conferenza, che volevo il rematch. Prima non ne avevo idea ma poi seppi che lui stava facendo un sacco di soldi con quegli incontri. Voleva rimanere campione il più a lungo possibile ma gli tolsero il titolo e quindi organizzò questo match. Disse chiaramente alla federazione che se avessero ingaggiato meglio, avrebbe jobbato. Mi portarono lì, lui perse come promesso ma volle organizzare la rivincita subito dopo per fare ancora più soldi. Per Brock è principalmente una questione di denaro, lui è un uomo d’affari molto attento. Ci sono prima i soldi e poi la passione per lui” ha spiegato l’ex TNA.

AEW Double or Nothing 2021, la card dell’evento

Angle ha poi parlato anche dello stint di Lesnar in UFC: “L’ultima volta che ho parlato con lui mi ha detto che stava valutando la possibilità di considerare la UFC: non sapeva cosa scegliere tra quello e il football. Decise di provare prima il football ma poi sapevo che sarebbe finito nella MMA, sono solo rimasto sorpreso che gli ci sia voluto così tanto. Quando lottammo in Giappone lui era già in trattativa con Dana White”.

UFC Fight Night: Font vs Garbrandt, i risultati dell’evento

SHARE