Home Altri Sport AEW, nessun veto sul controllo creativo da parte di Andrade El Idolo

AEW, nessun veto sul controllo creativo da parte di Andrade El Idolo

wwe andrade
Fonte Immagine: @BRWrestling (Twitter)

Andrade è stato al centro delle notizie di wrestling la scorsa settimana dopo la sua apparizione a Dynamite, dove presentato da Vickie Guerrero ha sancito di fatto il suo passaggio alla AEW, federazione di cui ha affermato intende diventare il volto rappresentativo.

Questo debutto è arrivato dopo un più che deludente stint nel main roster WWE, rivelatosi fallimentare soprattutto considerando l’ottimo passaggio a NXT e il ricco contratto che lo legava alla compagnia di Stamford che tuttavia non ha mai dimostrato di credere davvero in lui.

AEW, esordio a Dynamite per Andrade El Idolo

Andrade, nessun controllo creativo in AEW

Dopo aver trascorso più di 6 mesi lontano dagli schermi per la totale assenza di idee nei suoi confronti da parte del creative team, Andrade ha chiesto e ottenuto il rilascio dalla WWE non dovendo nemmeno sottostare alla tradizionale clausola di non competitività di 90 giorni che la compagnia riserva ai suoi ex dipendenti.

L’esordio in AEW è arrivato infatti dopo 75 giorni dall’addio a Stamford, un periodo comunque abbastanza lungo considerando il fatto che Tony Khan aveva incontrato il wrestler messicano già la settimana successiva. Un periodo che gli insider hanno descritto come contraddistinto da intense trattative tra le parti.

AEW, Tay Conti ricorda la sua esperienza in WWE

Oggetto del contendere, secondo molti, sarebbero stati soldi e controllo creativo: per quanto riguarda i primi la AEW era l’unica promotion a potersi permettere Andrade, che per questo motivo avrebbe snobbato ROH e Impact Wrestling, mentre per quanto riguarda l’ultima parola sul personaggio si è detto che l’accordo prevedesse la possibilità per l’ex La Sombra di rifiutare angle che non riteneva congeniali e addirittura sconfitte.

In un recente articolo pubblicato su WrestlingInc, tuttavia, l’insider Raj Giri ha affermato che le informazioni diffuse inizialmente erano errate: Andrade non ha ottenuto alcun controllo creativo sul suo personaggio, dato che nessuno in AEW lo possiede e che l’ultima parola su tutto è sempre e solo quella di Tony Khan.

AEW, 10 talenti che la WWE ha ignorato

Cresce la curiosità su quali saranno le prime mosse di Andrade El Idolo adesso che è All Elite: probabile che lo scopriremo già dalle prossime puntate.

Previous articleLa prima giornata degli Europei itineranti 2020
Next articleUFC, Adesanya e Vettori si incontrano in hotel: ecco com’è andata