SHARE
wwe logo
Fonte Immagine: @the_adz44 (Instagram)

Nella giornata di ieri la WWE ha effettuato una nuova serie di licenziamenti, la quarta del 2021 e la più corposa, dato che ha coinvolto 14 superstar.

WWE NXT, Parker Boudreaux lascia indizi sul suo esordio

WWE, ancora una serie di licenziamenti

Anche se stavolta nomi davvero di spessore non sono presenti nella lista, non mancano comunque wrestler che promettevano di avere una traiettoria in WWE ben diversa da quella che poi hanno effettivamente vissuto.

È il caso ad esempio di Tyler Breeze, considerato un vero talento ma capace di conquistare appena un titolo tag a NXT con Fandango, anch’esso finito nella lista dei licenziati dopo essere stato capace al debutto di sconfiggere, nella cornice di WrestleMania, nientemeno che Chris Jericho.

WWE, brusco ridimensionamento a Main Event per Karrion Kross

Via anche Killian Dain, ex membro dei SAnitY di cui in WWE è rimasta soltanto la moglie Nikki Cross, pur se con la discutibile gimmick del supereroe; Arturo Ruas, ex lottatore di MMA come Marina Shafir, che raggiunge così la ex partner Jessamyn Duke; Tino Sabbatelli, già licenziato e poi riassunto 8 mesi fa senza mai trovare spazio.

Il totale delle superstar che la WWE ha licenziato dal 12 aprile a oggi, cioè dal giorno successivo a WrestleMania 37, sale così a 38 anche se nel caso di Samoa Joe il divorzio è rientrato dopo appena un mese con un nuovo ruolo per lui a NXT.

WWE, Tucker racconta la fine degli Heavy Machinery

Ecco la lista degli ultimi licenziati:

  • Ariya Daivari
  • Arturo Ruas
  • August Grey
  • Bollywood Boyz (Sunil & Samir Singh)
  • Curt Stallion
  • Ever-Rise (Chase Parker & Matt Martel)
  • Fandango
  • Killian Dain
  • Marina Shafir
  • Tino Sabbatelli
  • Tony Nese
  • Tyler Breeze
SHARE