WWE, per Vince McMahon la AEW “non è concorrenza”

WWE, per Vince McMahon la AEW “non è concorrenza”

Per Vince McMahon la All Elite Wrestling, che negli ultimi mesi ha avuto una crescita esponenziale in ascolti e visibilità e tratta l’arrivo di stelle del calibro di CM Punk e Daniel Bryan, non rappresenta una reale concorrenza per la WWE.

L’affermazione arriva a margine di una sessione di Q&A (domanda e risposta) andata in scena ieri durante la chiamata degli utili del secondo trimestre 2021 della compagnia di cui è proprietario, dopo averla ereditata dal padre, ormai dal lontano 1984. Queste le parole di Vince McMahon come riportato da Figure Four Online/Wrestling Observer.

WWE NXT, i talenti pronti per il main roster

Vince McMahon: “Non considero la AEW una nostra concorrente”

“Non è certamente una situazione paragonabile a quella in cui Ted Turner cercava di raggiungerci sfruttando tutte le risorse che la Time Warner aveva a disposizione. Quella era una situazione diversa, la AEW si trova dove si trova. E non so davvero quali siano i loro piani.”

Il riferimento è alla famosa “Monday Night War”, la guerra degli ascolti che alla fine del XX secolo vide la WWE sopravvivere all’assalto della WCW fino ad acquisirne la proprietà e il parco lottatori. Uno scenario che secondo Vince McMahon non si ripeterà.

Jay White, a Impact Wrestling svelato il finale di Slammiversary

“Tutto quello che so è quali sono i nostri piani. Non li considero concorrenza come consideravo la WCW all’epoca. Neanche a un livello lontanamente vicino a quello.”

Il presidente della compagnia Nick Khan, da non confondersi con il quasi omonimo Tony Khan alla guida proprio della AEW, ha aggiunto che la concorrenza per la WWE è rappresentata da altre forme di intrattenimento.

WWE e Blumhouse insieme per “The United States of America vs Vince McMahon”

“Se dipendesse da noi, le persone potrebbero stare 24 ore al giorno a guardare contenuti di diversi fornitori di contenuti, si spera incluso il nostro. Non consideriamo nessuna organizzazione in particolare come una concorrenza.”

Le dichiarazioni arrivano a fronte di un aumento di entrate notevole per la compagnia, che nonostante l’innegabile crescita della AEW e la delicata situazione che la pandemia da COVID-19 ha creato negli ultimi 18 mesi continua a macinare cifre da record.

AEW, Malakai Black spara a zero sul booking “bipolare” della WWE

Le entrate della WWE sono infatti passate dai 223,4 milioni di dollari dichiarati nel secondo trimestre 2020 ai 265,6 milioni di dollari dichiarati quest’anno.