SHARE
Nikki A.S.H.

Negli scorsi giorni il panorama dalle WWE ha visto una stella più luminosa di altre. Parliamo di Nikki A.S.H., lottatrice che in pochissimi giorni ha vinto prima il Money in the Bank Ladder match dell’omonimo PPV e poi il WWE Raw Women’s Championship incassando su Charlotte Flair. Abbiamo avuto il piacere di intervistare proprio la nuova campionessa del roster rosso in vista della sua prima difesa titolata in quel di SummerSlam.

WWE, per Vince McMahon la AEW “non è concorrenza”

Nikki A.S.H. ci parla della vittoria del titolo e della responsabilità di essere campionessa [ESCLUSIVA]

Stai vivendo quelli che sono i giorni più prolifici della tua carriera, con la vittoria prima del MITB e poi del WWE Raw Women’s Championship. Che tipo di emozioni hai vissuto?

“Sono stati giorni in cui mi sono sentita tra le nuvole. Ho fatto una corsa per prendere il MITB contract e poi ho celebrato la vittoria, guardavo la valigetta ed ero così felice. Ho pianto di gioia perché mi dicevo che sembrava impossibile, non riuscivo a crederci. La notte successiva a Raw ho incassato ed è stato un trionfo. Niente lacrime ma un autentico trionfo, non aspettavo altro che celebrare con il pubblico e i fan presenti nell’arena. A volte i sogni possono diventare realtà!”.

…ora non sei più il predatore, bensì la preda. Cosa pensi delle prossime avversarie per SummerSlam, Charlotte Flair e Rhea Ripley?

“Avremo un Triple Threat a SummerSlam, loro hanno rappresentato la divisione femminile in maniera incredibilmente valida, per me sarà una sfida molto difficile. Io vengo sempre sottovalutata e affrontare questo Triple Threat match come campionessa in carica mi darà la chance di dimostrare che si sbagliano. Sono la campionessa femminile di Raw e come tale voglia uscire dal match di SummerSlam”.

Il tuo personaggio è perfetto per legare con il pubblico, quindi cosa pensi del ritorno dei fan nelle arene?

“Non c’è niente di meglio. Sono solo molto felice e contenta di sentire quell’energia e quella connessione che solo i fan sanno dare. Non vedevo l’ora di stringere mani, di battere il cinque con loro. Sono molto eccitata e felice per questo”.

WWE e Blumhouse insieme per “The United States of America vs Vince McMahon”

Guardando alla Nikki A.S.H. del passato, cosa le diresti?

“Ogni atleta professionista e ogni WWE Superstar comprende perfettamente e solamente il concetto di sacrificio. Tutto il duro lavoro e tutto ciò che ci viene dato riguardano questo. il duro lavoro e il sacrificio è conosciuto da tutti in WWE. Io a me stessa nel passato direi semplicemente di continuare a sorridere e di tenere duro. Ci sono alti e bassi ma tutto questo mi ha portato a diventare campionessa di Raw. Quindi sì, il consigio sarebbe di continuare a sorridere e lavorare”.

Qualora riuscissi a difendere il titolo a SummerSlam, quale performer vorresti affrontare?

“Ottima domanda. Ci sono così tante atlete talentuose nella divisione femminile. Mi piacerebbe lottare contro Nia Jax, Shayna Baszler, Alexa Bliss, Doudrop, Eva Marie, anche Natalya e Tamina che ora hanno i titoli di coppia femminile. C’è tanta competizione, spero che dopo SummerSlam avrò ancora un mirino addosso in quanto WWE Raw Women’s Champion, quindi ci saranno tante sfide da parte di tutte e io mi farò trovare pronta, come una quasi supereroina!”.

Ritieni che la tua vittoria del titolo possa rappresentare l’inizio di una nuova era per la Women’s Revolution in WWE?

“Tutte le ragazze che fanno parte di questa divisione sono molto talentuose, va dato credito maggiore a tutte le ragazze perché per anni sono state viste nella maniera sbagliata, specie quelle che sono venute prima. Il titolo rappresenta qualcosa di importante per me stessa ma anche per chi lo sogna, lo guarda, per chi vuole realizzare i propri sogni. Essendo la campionessa rappresento tutto questo, anche il credere in sé stessi. Ma a prescindere penso che l’obiettivo sia quello di diventare migliori tutte insieme, come divisione femminile, per dare credito sia a chi è arrivato prima così come a chi arriverà in futuro, le nuove generazioni”.

Perché Vince McMahon non teme la AEW ma dovrebbe farlo

SHARE