SHARE
logo raw
Il nuovo logo di Raw - FOTO: profilo ufficiale Facebook WWE Raw

La WWE non sta attraversando un bel momento, tra crisi di ascolti televisivi, addii rilevanti e la concorrenza sempre più serrata della rivale AEW. L’ultima conferma è arrivata nel corso dell’ultimo episodio di RAW, lo show di punta della compagnia, andato in scena a Chicago e che ha visto il pubblico presente intonare cori in favore di CM Punk e Bray Wyatt.

WWE, a RAW cori per CM Punk e Bray Wyatt

Uno scenario prevedibile per quanto riguarda lo Straight Edge Saviour, che a Chicago è di casa e viene sempre assolutamente idolatrato. Pur essendo lontano dal wrestling business da più di 7 anni e mezzo, Punk continua ad avere un forte zoccolo duro di tifosi che attendono il suo ritorno e che potrebbero seguire la sua chiacchierata, anche se ancora non ufficiale, nuova avventura in AEW.

Perché Vince McMahon non teme la AEW ma dovrebbe farlo

Addirittura prima dello show il pubblico di Chicago ha intonato cori in favore di CM Punk. Questi si sono poi ripetuti durante l’episodio, chiaramente udibili dopo il match tra Tamina e Doudrop e per il resto più o meno “oscurati” dagli effetti audio.

Il WWE Universe non ha risparmiato la compagnia neanche su Bray Wyatt, licenziato nei giorni scorsi per “tagli al personale”: una mossa che il pubblico non ha apprezzato, contestando inoltre il trattamento ricevuto dal fu The Fiend nel corso della sua intera permanenza a Stamford.

WWE, Ric Flair chiede e ottiene il rilascio dalla compagnia

Durante il confronto tra Goldberg e Bobby Lashley, che ha aperto RAW, il nome di Bray Wyatt è risuonato nell’arena più volte disturbando non poco l’interazione tra The Man e l’All Mighty Champion.

La fine dell’emergenza COVID-19 e della Thunderdome Era, seguita dal ritorno del pubblico dal vivo, costringe ancora di più la WWE a fare i conti con uno “Universe” che non è poi così soddisfatto del prodotto offerto. E che intende fare sentire la sua voce.

SHARE