SHARE
WWE Bobby Lashley
Fonte Immagine: @mattnazar50 (Twitter)

Emersa durante la Golden Age degli anni ’80 del XX secolo, la WWF/WWE si è imposta come la forza dominante nel wrestling business all’alba del nuovo millennio sconfiggendo la ricca e potente WCW di Ted Turner e dando inizio a un predominio che per uno dei suoi più illustri rappresentanti, l’All Mighty Champion Bobby Lashley, “non sarà mai messo in discussione”.

Intervistato da TV Insider, il WWE Champion ha espresso molto chiaramente qual è la sua posizione sulla presunta crisi della compagnia che rappresenta, che per molti esperti del settore potrebbe essere messa sempre più in difficoltà dalla crescita della All Elite Wrestling. E alla domanda su quale sia la situazione oggi, alla luce dei recenti cambiamenti, Bobby Lashley ha risposto senza esitazioni.

WWE, CM Punk risponde al promo di John Cena?

Bobby Lashley: “La WWE non sarà mai battuta”

“L’atmosfera generale è buona, siamo messi alla prova costantemente. Qualcuno dice spesso che è finita, che questa o quella cosa sono la rovina della WWE. Non succederà mai. Abbiamo così tanto talento qui. La WWE non sarà mai battuta o messa in difficoltà. Sarà sempre il fiore all’occhiello del wrestling professionistico. E questa cosa non cambierà mai.”

Recentemente la crisi degli ascolti di RAW – di cui Bobby Lashley è il più importante alfiere – unita alla crescita della AEW e alla possibilità che questa arrivi a nomi come CM Punk, Daniel Bryan, Adam Cole e Bray Wyatt, aveva portato molti esperti a ipotizzare una nuova “guerra dei ratings”. Qualcuno aveva addirittura ipotizzato che Vince McMahon volesse vendere la WWE.

TripleMania 29, la AEW ha messo il veto sulla vittoria di Andrade El Idolo

In realtà il chairman della compagnia ha mostrato agli azionisti una crescita record dei profitti nel 2021, arrivata peraltro senza il supporto degli house show a causa della pandemia, e ha detto di non considerare la AEW una vera e propria concorrenza. Una presa di posizione che Chris Jericho, stella All Elite, ha definito prevedibile e furba ma che potrebbe essere smentita dai recenti licenziamenti che hanno riguardato NXT.

WWE-AEW, sarà guerra?

Per qualcuno questi sarebbero una punizione al brand e suo gestore, Triple H, colpevoli di non aver saputo sconfiggere negli ascolti Dynamite, lo show della concorrenza che ha regolarmente superato NXT al mercoledì.

“Beautiful” Bobby Eaton è scomparso all’età di 62 anni

La WWE insomma fingerebbe soltanto di ignorare la AEW, anche se al momento la sua enorme potenza economica la pone ancora in una posizione di vantaggio. La domanda è quanto la AEW andrà avanti, fino a che punto Tony Khan si spingerà con gli investimenti e quanto la compagnia sarà capace di generare profitti tramite accordi TV e vendita di merchandising.

La sensazione è che a Jacksonville intendano fare le cose sul serio e alzare ancora l’asticella. Se ciò fosse vero ecco che la guerra potrebbe diventare concreta e che la WWE, indipendentemente dalle parole di Bobby Lashley, dovrebbe cominciare a preoccuparsi. Perché niente dura per sempre.

SHARE