SHARE
WWE Brock Lesnar 2021
Fonte Immagine: @WWE (Twitter)

Il ritorno di Brock Lesnar in WWE, arrivato nei minuti che sono seguiti alla fine del main event di SummerSlam 2021, ha rappresentato la risposta indiretta della compagnia di Stamford all’arrivo in AEW di CM Punk e il modo migliore per chiudere un PPV che altrimenti rischiava di essere archiviato senza grandissime emozioni.

WWE-Brock Lesnar, un ritorno che ha fatto rumore

Certo anche l’inatteso ritorno di Becky Lynch, con tanto di vittoria dello SmackDown Women’s Championship, aveva segnato il tanto atteso show estivo della WWE. È tuttavia innegabile che The Beast Incarnate sia stato la vera e propria ciliegina sulla torta di SummerSlam 2021, soprattutto per le possibili implicazioni che riguardano il suo probabile feud con Roman Reigns, Universal Champion e nuovo assistito del suo mentore Paul Heyman.

WWE, turn heel in arrivo per Becky Lynch: sarà una buona idea?

44 anni compiuti lo scorso 12 luglio, 8 volte campione del mondo e più longevo detentore (503 giorni) dell’Universal Championship attualmente intorno alla vita di Reigns, Lesnar mancava dalla WWE dal 26 marzo 2020, quando a WrestleMania 36 fu sconfitto da Drew McIntyre. Negli ultimi mesi qualcuno aveva ipotizzato un suo sbarco in AEW, che però in realtà pare non avere mai avuto concrete possibilità di ingaggiarlo.

I dettagli del nuovo accordo

Brock Lesnar è tornato in WWE e immediatamente fan e addetti ai lavori si sono chiesti per quanto. Una risposta che arriva oggi dal sito specializzato Fightful, che nella sua edizione per abbonati “Select” snocciola i dettagli dell’accordo: The Beast Incarnate ha siglato un accordo della durata di un anno e mezzo e che prevede in questo periodo di tempo il suo impiego in almeno otto incontri.

WWE RAW, ascolti record per lo show post SummerSlam

Quest’ultimo dettaglio potrà essere ridefinito con il tempo e con ulteriori colloqui tra le parti, ma quello che sembra chiaro è che Lesnar sia tornato alle condizioni con cui lo ha sempre fatto negli ultimi anni, con un contratto part-time che già in passato aveva visto la WWE ricevere non poche contestazioni da parte dei fan più duri e puri, che ritengono che altri meritino lo spazio al vertice più di lui.

Contestazioni legittime che però spariscono davanti ai numeri: Brock Lesnar è ancora capace di attrarre fan e spettatori, così come di essere protagonista in match di alto livello. E nel momento in cui la AEW prova a colpire con CM Punk – e forse Daniel Bryan – la risposta della WWE, per quanto prevedibile, non poteva essere che questa.

SHARE