Vostro Onore, anticipazioni della seconda puntata del 7 marzo: Vittorio coinvolto in una guerra

- Advertisement -

Secondo appuntamento con Vostro Onore, la fiction Rai con protagonista Stefano Accorsi. Nei nuovi episodi in onda vedremo come l’integrità del giudice sarà messa a dura prova, ancor più rispetto a quanto già accaduto.

C’è chi programma vendetta nella seconda puntata di Vostro Onore. Scopriamo cosa accadrà nell’appuntamento del 7 marzo. La tela di bugie si fa più fitta e soprattutto pericolosa.

Vostro Onore, anticipazioni seconda puntata

Nino Grava è stato coinvolto nell’operazione di occultamento dell’auto di Vittorio. Questa è stata denunciata come rubata per evitare il coinvolgimento del figlio del giudice nell’incidente letale avvenuto. Sfortunatamente Nino viene arrestato, dando inizio a un incubo per il magistrato, che dovrà continuare a mentire per tentare di venir fuori da questa situazione.

Si ritrova responsabile di un’altra vita, oltre quella di suo figlio. Grava si ritrova a vivere il destino che avrebbe dovuto essere del giovane Matteo. Seppure in carcere, Carlos Silva, padre di Diego, prova a escogitare un modo per vendicarsi del presunto responsabile dell’incidente mortale. Studia in che modo ucciderlo, mentre le indagini sull’omicidio proseguono.

Ludovica, parlando con Vittorio, gli spiegherà com’è la situazione di Nino dopo l’arresto. Paolo Danti, invece, chiede ad alcuni informatori di indagare sugli affari della famiglia Silva. È così che Miguel scopre un traffico di droga gestito dal fratello di Diego e da Carlos.

Vittorio è responsabile della vita di Nino e spinge per farlo inserire nel programma di protezione testimoni. La sua integrità viene ulteriormente corrotta e, inconsapevolmente, va a interrompere un traffico illegale gestito da Filippo Grava. In carcere le due famiglie criminali si scontrano, mentre Filippo, scoperto il responsabile del duro colpo subito dai suoi affari, pianifica una vendetta che colpirà direttamente Vittorio.

Siamo su Google News: tutte le news sullo spettacolo CLICCA QUI