Skip to main content

La tempesta perfetta è un film del 2000 da Wolfgang Petersen, con George Clooney e Mark Wahlberg, ispirato alla vera storia dell’uragano Grace. Ecco come andarono le cose realmente.

La tempeste perfetta racconta la tragica disavventura vissuta dall’imbarcazione Andrea Gail, che viene sorpresa in mare da un uragano mentre è fuori per una battuta di pesca. Nonostante i tentativi di mettersi in salvo, la barca verrà distrutta e affondata dall’uragano, provocando la morte di tutti e sei i membri dell’equipaggio, compreso il suo capitano Billy Tyne.

Dramma e azione si mescolano, in questo film di grande successo del 2000, diretto dal regista di U-Boot 96, La storia infinita ed Air Force One Wolfgang Petersen, con un cast eccezionale che annovera George Clooney, Mark Wahlberg, John C. Reilly, Diane Lane, Mary Elizabeth Mastrantonio e altri ancora. Ma la storia che narra non è affatto un’opera di pura fantasia.

La tempesta perfetta: la storia vera dell’uragano Grace

La sceneggiatura di William Wittliff è tratta dal libro The Perfect Storm (che infatti è il titolo originale del film), scritto da Sebastian Junger e pubblicato nel 1997. In esso si racconta appunto gli eventi che hanno portato alla formazione della cosiddetta tempesta perfetta del 1991, che hanno coinvolto l’uragano Grace.

Una “tempesta perfetta”, innanzitutto, è un particolare e alquanto raro fenomeno metereologico che si verifica quando un uragano colpisce l’area più vulnerabile di una regione, causando il maggior numero di danni possibili peruna tempesta di quella categoria.

Questo è quello che successe a fine ottobre 1991 con l’uragano Grace, un ciclone subtropicale formatosi il 26 ottobre a sud delle Bermuda e rapidamente cresciuto di categoria e intensità, fino a trasformarsi in un potente grecale. L’uragano ha causato grandi ondate lungo la costa orientale degli Stati Uniti, generandooltre 200 milioni di dollari di danni. Data la sua particolare formazione, i numerosi pescherecci in mare in quei gorni non poterono accorgersi in anticipo della formazione di Grace, e vennero quindi colti alla sprovvista quando ormai era troppo tardi per trovare riparo.

Questo causò varie morti tra i pescatori della regione, e la storia dell’Andrea Gail è una di queste. Il peschereccio, che aveva effettivamente un equipaggio di sei uomini, come in La tempesta perfetta, era stato costruito in Florida nel 1978 ed era di proprietà dell’armatore Robert Brown. La sua ultima posizione nota fu segnalata dal peschereccio Hannah Boden, della stessa compagnia, alle ore 18.00 del 28 ottobre 1991, a 162 miglia (circa 260 chilometri) a esta di Sable Island (nella zona della Nova Scozia, in Canada).

La storia raccontata nel film è sommariamente fedele agli eventi reali descritti anche nel libro di Junger, anche se alcune cose sono state logicamente romanzate. Ad esempio, Billy Tyne non era un capitano in crisi e che aveva superato i suoi anni migliori, anzi prima della battuta di pesca in cui lui e il suo equipaggio persero la vita avevano fatto ritorno in porto con un pescato considerevole. Inventata è anche la relazione tra Tyne e Linda Greenlaw, capitana della Hannah Boden, che nella vita reale si conoscevano appena.

Mariaclaudia Catalano

Giornalista pubblicista, inviata d’assalto classe ‘89, una vita in radio e al tg, content editor per vocazione. Convertita alla SEO non posso più farne a meno