Vittorio De Sica l’omaggio di Christian nel film Non solo fantasmi

Vittorio De Sica l’omaggio di Christian nel film Non solo fantasmi

C’è un toccante omaggio a Vittorio De Sica, celebre attore e regista italiano, da parte di suoi figlio Christian nel film Non solo fantasmi: scopriamo qual è.

Una sorta di Ghostbusters all’italiana, Non solo fantasmi, il film scritto, diretto e interpretato da Christian De Sica a partire da un soggetto della coppia Luca Gugalianone – Menotti (gli stessi di Lo chiamavano Jeeg Robot, Benedetta follia e Non ci resta che il crimine).

Tre fratelli, figli di madri diverse ma dello stesso padre, si incontrano a Napoli per raccogliere l’eredità paterna, che però consiste soltanto in un vecchio edificio su cui grava un’ipoteca. Per riuscire a raccimolare i soldi per poter riscattare il palazzo, i tre decidono di impovvisarsi acchiappafantasmi, e finiranno a dover salvare la città dagli spiriti maligni.

Nel film, però, c’è anche un omoaggio che l’attore e regista Christian De Sica ha fatto a suo padre Vittorio De Sica, che è stato un grande nome del cinema italiano del dopoguerra, considerati tra i padri del cinema neorealista, scomparso a 73 anni nel 1974. Vediamo cosa succede in Non solo fantasmi.

L’omaggio a Vittorio De Sica in Non solo fantasmi

Il personaggio del defunto padre dei tre protagonisti, interpretato anche lui da Christian De Sica, è chiaramente ispirato a suo padre Vittorio De Sica, sia come aspetto e comportamento sia per il nome: si chiama infatti Don Vittorio Di Paola.

“Raccontando un personaggio come Vittorio De Paola, mi è chiaramente venuto in mente mio padre” ha detto Christian De Sica alla conferenza stampa di presentazione del film, nel 2019, raccontando tutta una serie di aneddoti sul proprio genitore, alcuni dei quali ritornano nel corso di Non solo fantasmi.

Anche la scelta di ambientare il film a Napoli, città che Vittorio De Sica ha amato molto, non è casuale. Il regista vi ha ambientato il suo film del 1954 L’oro di Napoli, ma amava anche la musica e la canzone napoletana, ed era solito recarsi a Ischia in vacanza. Una passione che si è riflessa anche sul calcio, dato che De Sica padre era un grande tifoso proprio del club partenopeo.

Una delle citazioni più note di Vittorio De Sica sulla città campana dice: “Nu cafone ‘e fora” può amare Napoli più di un napoletano!”.