SHARE

Nel calcio moderno dominato dai soldi e senza più sentimenti (esageriamo, lo sappiamo) c’è spazio anche per belle storie a lieto fine. E’ il caso del Pasching, società austriaca militante in Regionalliga Mitte, il corrispettivo della nostra Lega Pro, che è riuscita a vincere la Coppa d’Austria battendo al celebre Prater l’Austria Vienna, compagine che ha vinto il massimo titolo nazionale neanche dieci giorni fa. E questo exploit vale alla piccola società in verde anche la qualificazione al secondo turno preliminare di Europa League, da giocare molto probabilmente contro una squadra importante del panorama europeo.

INCREDIBILE – Non era mia capitato che nella competizione nazionale un team militante in terza divisione facesse suo il trofeo, ed il Pasching ci è arrivato alla grande, non solo eliminando la squadra neo-campione d’Austria ma estromettendo dall’inizio del suo cammino anche altre big come lo Sturm Graz, il Rapid Vienna ed i Red Bull Salisburgo. E nella finalissima è arrivato anche lo sfizio di negare all’Austria Vienna il suo undicesimo double campionato-coppa. Dopo la festa, per la piccola ammazzagrandi potrebbe arrivare un altro importante traguardo, con il raggiungimento della promozione in seconda divisione.

LA STORIA – Il Pasching all’inizio del decennio era una realtà più o meno importante nel suo Paese, arrivando anche a qualificarsi per l’allora Coppa Uefa oltre a militare per un bel pò di stagioni nella massima categoria. Nel 2007 è però arrivato il fallimento che ha costretto la società a ripartire da zero fondando una nuova squadra. Adesso però sembra prospettarsi un futuro sempre più roseo per questo piccolo grande team.