SHARE

Caio-Ribeiro_2GLOBO

Oggi parliamo del meglio del peggio, proponendovi un classico esempio di bidone barra meteora come altri non ne troverete in giro: Caio Ribeiro Decoussau, “O Douthorinho”, il dottorino, così chiamato per il suo abbigliamento sempre raffinato e per il suo aspetto estetico sempre molto curato. Poi di bello oltre a questo non ha fatto vedere niente più. Vi anticipiamo che in Italia ha giocato solo 26 partite, delle quali il 95% lunghe al massimo un quarto d’ora, ed ovviamente in nessuna di queste ha segnato. Due anni in Italia, prima all’Inter nel ’95-’96, nella quale approda assieme ai giovanissimi Roberto Carlos e Javier Zanetti tra gli altri, e poi al Napoli l’anno seguente.

caio1

E lì è capace di farsi togliere il posto già nel ritiro estivo dai vari Alfredo Aglietti e Nicola Caccia, non proprio dei fulmini di guerra…e man mano lo scavalcano pure Joubert Beto, Arturo Di Napoli e Massimiliano Esposito. In Italia approdò per 5 milioni di dollari dal San Paolo, grazie alla mania spendereccia di un giovane, diciamo, Massimo Moratti, che fino al 2005 è rimasto negli annali del calcio italiano per essere un perdente di lusso, con centinaia di miliardi investiti in faraoniche sessioni di calciomercato che non hanno fruttato nulla all’Inter se non compassione. Tornando a Caio, la sua avventura in Serie A è finita ufficialmente una notte d’inverno al Friuli di Udine, in un Udinese – Napoli 2 a 2 nel quale ad un metro dalla porta chiuse gli occhi intimorito nel tentare un tiro al volo…invece fu uno dei lisci più clamorosi della storia del calcio, e da lì si era capito che non era veramente cosa.

Inevitabile quindi il ritorno in Brasile, dove la situazione migliorò ma senza chissà quali picchi. In dieci anni spesi tra Santos, Flamengo, Fluminense, Gremio e Botafogo Caio mise su 172 presenze e 25 reti, più altre 15 ed un gol nella sua seconda esperienza europea nella Serie B tedesca con l’Oberhausen. Di partite ne ha giocate, direte voi, ma nel 2006, giunto al trentesimo anno di età decise di ritirarsi per fare il modello ed il commentatore televisivo oltre ad aprire un ristorante a Porto Alegre. Inutile aggiungere altro…