Chi ha lanciato Fiorello, gli esordi FOTOGALLERY

- Advertisement -

Il Festival di Sanremo ha rilanciato la carriera di Fiorello negli ultimi anni, confermando come il comico sia uno dei migliori mattatori della scena italiana. Continua a far divertire il pubblico da oltre 30 anni, in grado di reinventarsi in ogni decennio.

Il talento di Fiorello si esprime al meglio tanto nei villaggi turistici quanto in strada, così come sul palco di un teatro. La sua è una carriera colma di successi. Scopriamo chi lo ha lanciato.

LEGGI: Scaletta prima serata Sanremo 2022: cantanti in gara

Fiorello, gli esordi

Rosario Tindaro Fiorello è nato a Catania il 16 maggio 1960. Cresciuto ad Augusta (Siracusa), è il primo di quattro figli. Ha frequentato il liceo scientifico e fin da giovane si mette alla prova con una lunga gavetta, che parte in una radio locale. Dopo la maturità, inizia a lavorare in alcuni villaggi turistici, divenendo di fatto uno degli animatori più conosciuti a livello nazionale.

Claudio Cecchetto crede in lui e lo contatta nel 1981. Conduce per Radio Deejay una trasmissione dal titolo W Radio Deejay. Un anno dopo esce Veramente falso, suo primo disco, mentre nel 1988 fa il debutto in televisione con DeeJay Television.

Il grande pubblico però lo scopre nel 1992 grazie a Karaoke. In questo programma ha modo di fare ciò che gli riesce meglio, improvvisare in piazza tra la gente, come nei villaggi turistici. Il programma è un cult istantaneo e ancora oggi lo si ricorda con grande affetto.

Un fenomeno televisivo, con quel codino che diventa iconico. Dopo una drammatica parentesi dovuta alla droga, di cui Fiorello parla come di una malattia vera e propria, torna in TV nel 1996 con La febbre del venerdì sera a Buona Domenica. Da allora non si è più fermato, recitando anche al cinema con Il talento di Mr. Ripley, film con Matt Damon, Jude Law e Gwyneth Paltrow.

Una lunga carriera ricca di successi assoluti. È ancora oggi un mattatore senza pari. Deve tutto al suo talento e alla grandissima capacità di improvvisazione. Nel mondo dello spettacolo, però, è necessario che qualcuno che è già in vetta abbia l’umiltà di guardare in basso e tendere una mano. Claudio Cecchetto lo ha fatto con tantissimi, riuscendo sempre a fare centro. A lui, di certo, Fiorello deve tantissimo.

Siamo su Google News: tutte le news sullo spettacolo CLICCA QUI