Canzone Mare Fuori chi la canta: traduzione e significato

Danilo Budite
25/01/2023

Canzone Mare Fuori chi la canta: traduzione e significato

Chi canta la canzone di Mare Fuori: significato e traduzione della colonna sonora dell’amata serie Rai interpretata da un attore della fiction

Manca sempre meno, ormai, al ritorno di Mare Fuori e insieme alla fiction, ovviamente, tornerà anche la sua amatissima colonna sonora, con la sigla ‘O Mar For che ha fatto innamorare moltissimi spettatori e che è cantata proprio da un attore protagonista della serie. La canzone di Mare Fuori è infatti cantata da Matteo Paolillo, attore che nella serie interpreta il personaggio di Edoardo Conte. La canzone ‘O Mar For, oltre che simbolo della serie Rai, è diventata un vero e proprio tormentone, cercata e ascoltata da tantissimi fan della serie, che possono trovare la canzone su spotify, insieme all’intera colonna sonora di Mare Fuori, e qui possono ascoltare anche le altre canzoni di Matteo Paolillo, che oltre a essere un attore in rampa di lancia è anche un cantante, con il nome d’arte Icaro, e di recente ha rilasciato il suo ultimo singolo, dal titolo Luce al buio.

La canzone di Mare Fuori è scritta e interpretata in dialetto napoletano, prodotta dal giovane lolloflow (pseudonimo di Lorenzo Gennaro), producer, musicista e cantante, che proprio con l’attore di Mare Fuori e con Pietro Jellinek ha dato vita al collettivo Suba Crew. Nella colonna sonora di Mare Fuori, inoltre, il brano è accompagnato dalle musiche del celebre compositore romano Stefano Lentini. La canzone di Mare Fuori parla di riscatto, questo è il tema che ha portato gli artisti a realizzare il brano e ha fatto da ispirazione per l’intera composizione. Un riscatto che viene da dentro, dal credere in se stessi, dal fissarsi degli obiettivi e cercare di fare di tutto per raggiungerli. La voce narrante è quella di un ragazzo che si trova dentro al carcere, cresciuto per strada, che ha conosciuto solo un tipo di vita e le scelte sbagliate lo hanno portato dietro le sbarre, da cui comunque continua a sognare quel mare che è fuori, sinonimo di libertà.

Canzone Mare Fuori: traduzione e testo

Moltissimi fan si sono avvicinati alla sigla di Mare Fuori, senza coglierne però il significato nella sua interezza a causa dell’uso del dialetto, non compreso da tutti chiaramente. Di seguito, dunque, la traduzione della canzone:

Accenditi un’altra sigaretta
Li c’è mamma che piange … lascia stare
Con questo lavoro che “facciamo” ci prendiamo pure la Reggia di Caserta

Sono cresciuto in mezzo alla strada, e so bene quello che mi aspetta
Un ragazzo nato dal sistema, che vuole sistemare tutte le cose
che vive in mezzo alla strada più capace a tenere la pistola che a vendere le rose
Mio padre è in galera ed io sono l’uomo di casa

Toglimi le mani di dosso che quello è mio fratello,
e mi fa male il cuore, lo sai anche tu.
Non ci vado a scuola, no non ci vado più.
Mi prendo una carriola piena di un chilo di fumo.
Il mare ora sta fuori, non lo posso vedere più

Non ti preoccupare ragazzi, ci sta il mare fuori
ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Da dietro le sbarre e sotto il cielo ci sta il mare fuori
ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Dicono che ha mille colori, io ho visto solo il grigiore
Dentro il cortile i ragazzi si fanno un”altra striscia.
Tutti i giorni uguali, voglio uscire… voglio uscire.
O muoio qua dentro, o muoio ucciso.
La testa mi fa male e non riesco a capire

Se sono nato qua, qual’è la mia colpa?
Mi hanno messo la pistola in mano… e mi hanno detto spara.
Napoli da qua dentro, sembra essere lontana
Tutto il giorno penso cosa ho fatto di male?
Tutti i giorni penso al mare

Non ti preoccupare ragazzi, ci sta il mare fuori
ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Da dietro le sbarre e sotto il cielo ci sta il mare fuori
ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Non ti preoccupare ragazzi, ci sta il mare fuori
ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Da dietro le sbarre e sotto il cielo ci sta il mare fuori
ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Questo è il testo originale della canzone Mare Fuori, con tutta la potenza che le rende il dialetto originale:

Appicc n’ata sigarett
Allà c sta mammà ch chiagn e nun da rett
Cu sta fatic mo c’accattamm pur a Regg e Casert
So crisciut miezz a vie, o sacc chell che m’aspett
Nu guaglion ro sistema, mo vo sistema tutt cos
Miezz a vie e megl a ten e fierr o a vennr e ros

Patm sta carcerat, so l’omm e cas
Lievc e man a cuoll ca chill m’è frat
E m fa mal o cor o sai pur tu
Non c vac a scol, no, ma nun ca vac chiù
M’acchiappn a Gaiol cu nu chil e fumm
Mar mo sta for, nun m pozz vere chiù

Nun te preoccupa guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for

Ricn ca mill culur
Agg vist’o sul o grig
Nto cortil e guaglion
S fann n’ata strisc
Tutt e juorn ugual vogl asci
O mor ca dint o mor acciso
A cap m fa mal, n’arriv a capì
Si so nat cca, qual è a colpa mia?
Mann mis o fierr n’man e mann itt “spar”
Napl a ca dind par assai luntana
Tutt e juorn pens “c’agg fatt e mal?”
Tutt e juorn, tutt e juorn pens’o mar

Nun te preoccupa guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for