Chi é Giammarco Sicuro giornalista Rai inviato di guerra

- Advertisement -

Giammarco Sicuro, scopriamo chi è l’inviato di guerra della Rai che sta seguendo il conflitto tra Ucraina e Russia.

La guerra è tornata a minacciare l’Europa e in questi giorni i media sono ovviamente dominati dalle notizie che arrivano dal fronte. Le preziosissime fonti d’informazione in questi casi sono chiaramente gli inviati di guerra, giornalisti che si trovano nei territori dove imperversa il conflitto e col loro lavoro rischioso cercando di garantire l’informazione, quanto mai delicata in queste occasioni. Tra questi inviati di guerra c’è Giammarco Sicuro, che si occupa di seguire il conflitto per conto della Rai. Scopriamo tutto sul giornalista.

QUANTO GUADAGNA UN INVIATO DI GUERRA?

Chi è Giammarco Sicuro

Nato nel gennaio 1983 in provincia di Arezzo, Toscana, Giammarco Sicuro si laurea in Scienze Politiche a Firenze e prosegue gli studi frequentando la scuola di giornalismo di Urbino. Dopo la fine dell’esperienza la sua carriera da giornalista decolla, prima lavora per Sky Italia, poi passa in Rai, dove si fa notare soprattutto per i resoconti di importanti eventi di cronaca come il terremoto di Amatrice, la protesta dei gilet gialli a Parigi e il naufragio della Costa Concordia.

Quest’estate è stato invece protagonista del programma UnoMattina Estate, su Rai1 insieme alla collega Barbara Capponi. Ora Sicuro è invece tra i protagonisti del conflitto in Ucraina, ricoprendo il ruolo in inviato di guerra per la Rai. Il giornalista ha anche riferito di essere stato fermato a Mosca dalla polizia russa, che sta quindi anche controllando i giornalisti. Fortunatamente l’inviato Rai non è stato trattenuto, ma altri giornalisti sono stati arrestati.

Per quanto riguarda la sfera privata, non si sa molto sulla vita extra-lavorativa del giornalista della Rai. Anche sul suo profilo Instagram l’uomo pubblica molto poco della sua vita e quindi non sappiamo se sia sposato o meno e se abbia figli.

Siamo su Google News: tutte le news sullo spettacolo CLICCA QUI