Sergio Paini: chi è l’inviato di guerra Rai

Sergio Paini: chi è l’inviato di guerra Rai

Chi è Sergio Paini? Scopriamo qualcosa di più sulla carriera e la vita privata dell’inviato di guerra della Rai.

Sergio Paini è uno dei volti che il pubblico italiano sta imparando a conoscere di più, in questi giorni della guerra in Ucraina, grazie ai suoi collegamenti in diretta dall’Ucraina per Rai News 24. Il giornalista è spesso punto di riferimento della RAI per avere notizie e aggiornamenti sul conflitto che sta tenendo in apprensione l’intera Europa. La sua esperienza è ben nota nell’ambiente. Ecco alcune informazioni in più su di lui, per capire chi Sergio Paini inviato della RAI sul luogo del conflitto.

Chi è Sergio Paini

Giornalista lombardo, iscritto all’Ordine dei Giornalisti della sua regione dal 1998, Sergio Paini è nato il 16 maggio 1975, e si occupa di tematiche internazionali, grazie al suo lungo lavoro come corrispondente dall’estero per la televisione italiana.

Gli spettatori Rai lo conoscono principalmente per essere stato lo storico inviato a Mosca della tv pubblica, anche se il conflitto in Ucraina lo ha costretto a spostarsi verso Kiev per seguire quanto sta succedendo nella guerra.

Sergio Paini parla ben otto lingue, oltre all’italiano: inglese, francese, spagnolo, tedesco, russo, serbo, croato e bosniaco. Queste ultime sono un retaggio dell’esperienza nei Balcani, durante la quale ha anche ottenuto nel 2003 una laurea presso la Facoltà di Legge dell’Università di Sarajevo, in Bosnia, con una tesi sul genocidio bosniaco. Precedentemente, si era laureato in Storia a Milano, per poi trasferirsi a studiare Scienze Politiche a Bologna. Ha lavorato in Germania e in Francia e in Jugoslavia ha collaborato con le Madri di Srebrenica: da questa esperienza è nata la pubblicazione in inglese “Mothers of Justice”.

Come inviato, ha seguito in particolare gli eventi nell’ex Jugoslavia e ha raccontato in diretta la rivoluzione ucraina. È stato caporedattore esteri della RAI e nel 2016 ha scritto con Nader Akkad e Andrea Valesini il libro “La mezzaluna d’Europa. I musulmani dei Balcani: dagli Ottomani fino all”Isis”.

Siamo su Google News: tutte le news sullo spettacolo CLICCA QUI